Mialgia in pazienti con sospetta miopatia

Nei pazienti con disordini neuromuscolari sono ad oggi disponibili soltanto pochi dati sulla frequenza e sulla caratterizzazione della mialgia, e allo stato attuale delle conoscenze esiste soltanto una debole correlazione fra intensità del dolore e soglia del dolore alla pressione, mentre rimane ignoto se un’elevata intensità del dolore sia equivalente ad elevati livelli di sensibilità al dolore nel contesto di questi disturbi.

Un recente studio ha preso in considerazione un campione di 30 pazienti, in 14 dei quali è stato diagnosticato un disturbo neuromuscolare. La sindrome del dolore muscolare fascicolare (MPFS) senza segni di miopatia o miositi è stata diagnosticata in 10 pazienti, mentre in altri 6 è stata diagnosticata una mialgia pura senza evidenze di un disordine neuromuscolare, categoria nella quale rientrano miopatie, miositi, MPFS e polimialgia reumatica.

Nei pazienti con mialgia pura e polimialgia reumatica è stato riscontrato un maggior punteggio medio nella scala del dolore.

La misurazione della soglia del dolore alla pressione ha dimostrato una differenza significativa fra pazienti e soggetti di controllo a livello del muscolo bicipite brachiale. Sussiste dunque soltanto una debole correlazione fra intensità del dolore e soglia del dolore alla pressione, il che concorda con quanto suggerito in precedenza. L’ipotesi secondo cui elevati livelli di intensità del dolore sarebbero equivalenti ad elevati livelli di sensibilità al dolore non è stata dimostrata. 

Fonte: Int J Environ Res Public Health online 2020