Microbiota intestinale associato al recupero dei linfociti dopo HCT

La bassa diversità microbica intestinale è associata a scarsi risultati dopo il trapianto allogenico di cellule ematopoietiche (HCT). Utilizzando il sequenziamento dell’rRNA 16S di 2.067 campioni di feci e dati di citometria a flusso di 2.370 campioni di sangue periferico prelevati da 894 pazienti sottoposti a HCT allogenico, i ricercatori del Memorial Sloan Kettering Cancer Center hanno collegato le caratteristiche del microbioma post-HCT precoce con il successivo recupero delle cellule immunitarie. I risultati sono stati pubblicati dalla rivista Blood.

I ricercatori hanno esaminato il recupero dei linfociti e le caratteristiche del microbiota nei riceventi di allotrapianti e hanno osservato che la diversità microbica fecale era un predittore indipendente della conta dei linfociti T CD4 tre mesi dopo l’HCT nei riceventi di un allotrapianto selezionato per CD34, che dipendono dalla linfopoiesi de novo per il loro recupero immunitario. In modelli multivariati che utilizzano fattori clinici e caratteristiche del microbiota, gli autori hanno osservato che l’aumento dell’abbondanza relativa fecale del genere Staphylococcus durante il primo periodo post-trapianto era associato a un peggiore recupero dei linfociti T CD4. Queste osservazioni, concludono, suggeriscono che i batteri intestinali, o i fattori che producono, possono influenzare la linfopoiesi precoce e l’omeostasi delle cellule T derivate da allotrapianto dopo il trapianto.

Bibliografia: Early intestinal microbial features are associated with CD4 T-cell recovery after allogeneic hematopoietic transplant. Blood (2022) 139 (18): 2758–2769.
https://doi.org/10.1182/blood.2021014255

(https://ashpublications.org/blood/article-abstract/139/18/2758/483616/Early-intestinal-microbial-features-are-associated?redirectedFrom=fulltext)

IT-NON-07039-W-05/2024