Mindfulness e salute mentale dopo un arresto cardiaco

Secondo una ricerca preliminare che sarà presentata all’American Heart Association’s Resuscitation Science Symposium (ReSS) 2021, i sopravvissuti a un arresto cardiaco che sono più consapevoli o consapevoli del presente in modo non giudicante, riportano meno sintomi di depressione, ansia e disturbo da stress post-traumatico rispetto ai sopravvissuti meno consapevoli.


Sempre più persone sopravvivono all’arresto cardiaco grazie, in parte, a una migliore consapevolezza e formazione tra il pubblico laico e le professioni sanitarie per riconoscere e curare rapidamente le persone che subiscono un arresto. “Sebbene i tassi di sopravvivenza siano migliorati, gli effetti fisici, cognitivi e psicologici dell’arresto cardiaco possono protrarsi per anni”, osserva l’autore dello studio Alex Presciutti. “Abbiamo condotto questo studio per esaminare potenziali modi per prevenire e trattare i sintomi psicologici, come il disturbo da stress post-traumatico, la depressione e l’ansia, tra i sopravvissuti all’arresto cardiaco”, aggiunge. “Ci siamo concentrati su come la mindfulness, definita come consapevolezza non giudicante del momento presente, può essere correlata ai sintomi psicologici nei sopravvissuti all’arresto cardiaco a lungo termine”.


I ricercatori hanno studiato 129 persone (età media di 52 anni; 52% maschi; 98% individui bianchi) che erano sopravvissute ad un arresto cardiaco per una media di cinque anni e che erano membri del gruppo di supporto online della Fondazione per l’arresto cardiaco improvviso. I partecipanti allo studio hanno completato due indagini sulla salute mentale, una all’inizio, nel 2019, e un follow-up a un anno, nel 2020. All’inizio dello studio, tutti i partecipanti allo studio hanno completato il PTSD Checklist-5, che misura il disturbo da stress post-traumatico e il Patient Health Questionnaire-4, che valuta la depressione e l’ansia. Al termine di un anno, i partecipanti allo studio sopravvissuti hanno completato la valutazione della Cognitive and Affective Mindfulness Scale Revised, che misura l’attenzione, la consapevolezza, l’accettazione e l’attenzione presente.


A un anno di follow-up, praticare la mindfulness era associato a un minor numero di sintomi psicologici, come stress post-traumatico, depressione e ansia. I sintomi psicologici emersi nel 2019 erano moderatamente predittori dei sintomi psicologici nel 2020. “Questi risultati suggeriscono che i sintomi psicologici dopo l’arresto cardiaco non svaniscono semplicemente. Se non trattati, possono persistere. Tuttavia, la pratica della mindfulness sembra essere un potenziale fattore protettivo contro i sintomi psicologici”, osserva Presciutti.


“Il nostro team sta attualmente seguendo le persone che sopravvivono all’arresto cardiaco dal momento della dimissione ospedaliera, esaminando i potenziali ruoli della mindfulness e di altri fattori protettivi sui sintomi psicologici” conclude. “Il nostro obiettivo è utilizzare i risultati di questi studi per sviluppare interventi che possano prevenire e trattare i sintomi psicologici nei sopravvissuti all’arresto cardiaco”. I risultati di questo studio supportano le raccomandazioni della dichiarazione scientifica dell’American Heart Association, “Salute psicologica, benessere e connessione mente-cuore-corpo”, pubblicata nel gennaio 2021.


Fonte: American Heart Association’s Resuscitation Science Symposium (ReSS) 2021