Nefroureterectomia laparoscopica offre vantaggi rispetto alla tecnica mista

Secondo uno studio pubblicato sul World Journal of Surgical Oncology, la nefroureterectomia laparoscopica transperitoneale completa (CTLNU) per il carcinoma uroteliale del tratto urinario superiore localizzato ha avuto vantaggi di tempi operatori più brevi, meno perdite di sangue e lunghezza dell’incisione più breve rispetto alla tecnica mista che prevede la nefroureterectomia laparoscopica con escissione della cuffia vescicale in aperto (LNOBE).


“Questa tecnica chirurgica è un modo minimamente invasivo, semplificato ed efficace per eseguire la nefroureterectomia radicale” afferma Chengwu Xiao, della Navy Medical University, Shanghai, Cina, primo nome dello studio.


I ricercatori hanno voluto descrivere le tecniche e gli esiti di tale tecnica in pazienti con carcinoma uroteliale del tratto urinario superiore (UTUC) localizzato in una singola posizione. Tra i 98 pazienti considerati, 50 casi sono stati gestiti con CTLNU mentre 48 casi con LNOBE. Nessuna differenza significativa è stata trovata tra le caratteristiche cliniche di base.


I dati clinici sono stati raccolti e analizzati retrospettivamente.


Tutti i 98 pazienti sono stati sottoposti con successo a procedure di nefroureterectomia radicale senza trasferimento a chirurgia a cielo aperto. Rispetto al gruppo LNOBE, il gruppo CTLNU ha registrato un tempo operatorio più breve (98,5 minuti rispetto a 132,4 minuti), una minore perdita di sangue (60,4 mL rispetto a 150,6 ml), una degenza ospedaliera più breve (5,3 giorni rispetto a 8,1 giorni) e un’incisione più corta (6,3 cm rispetto a 11,5 cm). Gli esiti correlati alla malattia come stadio patologico, grado del tumore e tasso di recidiva erano simili tra i due gruppi.


Fonte: World J Surg Oncol. 2021

IT-NON-05042-W-07/2023