Nelle donne anziane alcuni parametri indice di infiammazione possono indicare rischio di diabete

Parametri pro-infiammatori elevati, bassi livelli di marcatori antinfiammatori e livelli più elevati di indici sostitutivi di insulino-resistenza sono predittori di rischio per lo sviluppo di diabete mellito di tipo 2 nelle donne anziane, secondo uno studio pubblicato su Experimental Gerontology.


“Abbiamo cercato di analizzare l’influenza dei parametri infiammatori e degli indici di resistenza all’insulina sul rischio di sviluppo del diabete mellito di tipo 2 nelle donne anziane, e di confrontare misure antropometriche e parametri metabolici in base alla presenza di diabete di tipo 2 e valori di emoglobina glicata” spiega Mateus Medeiros, della Leite University of Brasilia, autore principale dello studio.


I ricercatori hanno valutato i dati di 120 donne con età media di 67,9 anni, che sono state sottoposte ad analisi antropometrica, e determinazione dei parametri infiammatori e metabolici. Gli esperti hanno anche raccolto informazioni su indici di prodotto di accumulo lipidico (LAP), rapporto trigliceridi/lipoproteine ​​ad alta densità (TG/HDL), indice di glucosio trigliceride (TyG), e hanno effettuato una valutazione TyG per indice di massa corporea (TyG-BMC).


Ebbene, l’analisi dei dati ha mostrato che indice di massa corporea, fattore di necrosi tumorale alfa, interleuchina-2, glicemia, TG, LAP, TG/HDL, TyG e TyG-BMI erano significativamente più alti nelle donne anziane con diabete rispetto alle donne che non ne soffrivano. Valori di LAP ≥ 55,4, TyG ≥ 8,8 e TyG-BMI ≥ 264,8 sono stati identificati in particolare come fattori di rischio per il diabete mellito.


Fonte: Experimental Gerontology

IT-NON-04643-W-05/2023