Nuovi biomarcatori per predire la suscettibilità all’AR

In un recente studio sono stati individuati biomarcatori per l’artrite reumatoide (AR) che potrebbero portare a un modo per diagnosticare e iniziare il trattamento prima che la malattia si sviluppi.


Nel lavoro, i ricercatori hanno identificato una serie di epimutazioni in cellule di donne che avevano l’artrite reumatoide che erano distinte da quelle senza la malattia autoimmune che danneggia le articolazioni. Le epimutazioni sono fattori e processi molecolari intorno al Dna che regolano l’attività del genoma, indipendentemente dalla sequenza del Dna.


Se si riuscisse a identificare questi pazienti dieci anni prima che la malattia si sviluppi, si aprirebbe un’intera arena di medicina preventiva a cui non avevamo accesso prima.


L’AR colpisce circa 200.000 persone negli Stati Uniti ogni anno, con una prevalenza maggiore nelle donne che negli uomini. Mentre gli attuali trattamenti farmacologici hanno un’efficacia limitata in molti pazienti che hanno già sviluppato la malattia, alcuni studi hanno dimostrato che i trattamenti iniziati nelle prime fasi della malattia possono portare alla remissione dei sintomi.


Avere biomarcatori potrebbe consentire di iniziare il trattamento ancora prima che i primi segnali della malattia si manifestino.


I ricercatori hanno trovato epimutazioni in aree chiamate regioni di metilazione del Dna, tra le donne in entrambi i gruppi che avevano l’AR. Lo studio è stato progettato per vedere se ci fossero differenze tra gruppi etnici, poiché gli afroamericani hanno mostrato alcuni segni di una maggiore prevalenza di AR. Tuttavia, mentre alcune differenze sono state notate, i ricercatori hanno trovato una grande sovrapposizione di epimutazioni tra le donne con AR, il che significa che i biomarcatori identificati hanno un forte segnale per la malattia.


Fonte: Scientific Reports

IT-NON-06142-W-12/2023