Oncologia: intervento di nefrectomia parziale minimamente invasivo riduce rischi recidiva

Nei pazienti oncologici sottoposti a nefrectomia parziale l’approccio chirurgico minimamente invasivo comporta una riduzione del rischio di recidiva e non aumenta il rischio di siti atipici di recidiva, secondo uno studio pubblicato su Urologic Oncology.

“In campo oncologico, l’equivalenza della nefrectomia parziale minimamente invasiva rispetto alla nefrectomia parziale aperta (OPN) continua a essere contestata dai sostenitori della chirurgia oncologica urologica aperta” afferma Andrew Tam, della Icahn School of Medicine at Mount Sinai, New York, autore principale dello studio. “Per meglio chiarire la situazione, abbiamo voluto confrontare i modelli di recidiva, sopravvivenza libera da recidiva, sopravvivenza cancro-specifica e sopravvivenza globale tra i pazienti sottoposti a nefrectomia parziale aperta o minimamente invasiva” prosegue l’esperto.

I ricercatori hanno utilizzato i dati provenienti da due centri di riferimento urbani raccolti retrospettivamente dal 2003 al 2018. Sono stati inclusi nello studio i pazienti sottoposti a nefrectomia parziale aperta o minimamente invasiva (laparoscopica o assistita da robot) e affetti da patologia maligna. I gruppi sono stati successivamente sottoposti alla corrispondenza del punteggio di propensione per garantire l’omogeneità prima dell’analisi. Gli esiti primari erano l’incidenza della recidiva, il tempo alla recidiva, il tempo dalla recidiva alla morte, la localizzazione della recidiva e la sopravvivenza libera da recidiva. Gli esiti secondari includevano la sopravvivenza globale e la sopravvivenza specifica per il cancro.

Un totale di 190 pazienti sono stati sottoposti a chirurgia in aperto e 190 sono stati sottoposti a nefrectomia parziale minimamente invasiva. La recidiva era più comune nei pazienti sottoposti alla chirurgia aperta (10% rispetto a 3,2%), ma l’approccio chirurgico non era predittivo della localizzazione della recidiva o del tempo alla recidiva (23,8 rispetto a 26,3 mesi). La mortalità per tutte le cause era più comune nel gruppo operato in aperto (10,5% rispetto a 2,6%). All’analisi multivariata, solo l’approccio chirurgico è risultato associato a un aumentato rischio di recidiva.

Fonte: Urol Oncol. 2022

IT-NON-06377-W-02/2024