Parkinson: aumento della mortalità negli Stati Uniti

Dal 1999 al 2019, la mortalità per malattia di Parkinson negli Stati Uniti è aumentata in modo significativo secondo uno studio pubblicato dalla rivista Neurology.


I ricercatori hanno utilizzato i dati del National Vital Statistics System, un registro nazionale dei decessi basato sulla popolazione, per determinare le tendenze nazionali nella mortalità del morbo di Parkinson, in generale e per età, sesso, razza/etnia, classificazione urbano-rurale e posizione geografica. Le analisi si sono concentrate sui dati di 479.059 decessi dovuti alla malattia di Parkinson dal 1999 al 2019.


Gli autori hanno calcolato che la mortalità aggiustata per l’età è aumentata da 5,4 (95% intervallo di confidenza [CI] 5,3-5,5) per 100.000 abitanti nel 1999 a 8,8 (95% CI, 8,7-8,9) per 100.000 abitanti nel 2019, con una percentuale media annua variazione del 2,4% (IC 95%, 1,8%–3,0%).


Dal 1999 al 2019, la mortalità della malattia di Parkinson è aumentata significativamente in tutte le fasce di età, entrambi i sessi, vari gruppi etnici e diverse classificazioni urbano-rurali. Gli stati degli Stati Uniti e il Distretto di Columbia con tassi di mortalità riportati hanno tutti registrato un aumento della mortalità per malattia di Parkinson. Sono state notate differenze significative per sesso e etnia. I tassi di mortalità erano due volte più alti negli uomini che nelle donne ed erano maggiori negli individui bianchi rispetto a quelli di altri gruppi etnici.


Fonte: Neurology