PCI: mortalità più elevata tra gli afroamericani

L’analisi combinata di 10 studi prospettici sugli esiti della PCI ha riscontrato un rischio di mortalità ed infarto nettamente superiore tra i pazienti afroamericani rispetto ai caucasici, tenendo conto di comorbidità e fattori di rischio di base.

La comprensione degli esiti per il paziente in base all’etnia è essenziale per ottimizzare la salute di tutta la popolazione, ma la maggior parte degli studi sinora condotti ha analizzato dati basati sull’intera popolazione.

Il presente studio ha invece preso in considerazione le cartelle cliniche ospedaliere, che vengono considerate più accurate rispetto ai database amministrativi, insieme ad analisi angiologiche dirette di tutti i pazienti, il che ha consentito una valutazione indipendente della portata e della tipologia delle coronaropatie e degli esiti operatori.

L’analisi ha dimostrato che, anche quando i trattamenti immediati sono presumibilmente simili fra i diversi gruppi etnici, gli esiti longitudinali differiscono comunque in base all’etnia. 

Fonte: Icahn School of Medicine di New York

IT-NON-02691-W-07/2022