Pediatria: Staiano nuova presidente Sip, prima donna in 123 anni

“Covid ha evidenziato necessità di riorganizzare assistenza ai bambini, serve più utilizzo tecnologia”


Per la prima volta in 123 anni una donna guiderà la Società italiana di pediatria (Sip), società scientifica che associa 11mila pediatri italiani del mondo ospedaliero, universitario e del territorio. E’ Annamaria Staiano, professoressa di Pediatria dell’università di Napoli Federico II e direttore della Unità di Pediatria generale dell’azienda ospedaliera universitaria federiciana. E’ stata eletta oggi alla presidenza della Sip dall’assemblea dei soci in occasione del 76° Congresso italiano di Pediatria in corso in modalità telematica e in programma sino a domani. Staiano guiderà la Sip sino al 2024, succedendo al presidente uscente Alberto Villani che ha affiancato in questi anni come vicepresidente.


“L’emergenza sanitaria da Covid-19 ha evidenziato criticità nel nostro sistema sanitario nazionale, per cui è fondamentale pensare ad una riorganizzazione dell’assistenza pediatrica, a partire dalla formazione di tutte le figure professionali, mediche e non, coinvolte nello sviluppo psico-fisico del bambino. Ritengo auspicabile un utilizzo sempre più ampio della tecnologia, mediante l’implementazione di supporti telematici (App, Ipad, etc), che garantiscano una presa in carico globale del bambino, attraverso la condivisione di informazioni tra i diversi ambiti responsabili del suo benessere psicofisico: famiglia, scuola, sanità”, sottolinea la Staiano.


Staiano è tra i soci fondatori della Società italiana di gastroenterologia epatologia e nutrizione pediatrica (Sigenp), ed è stata presidente della stessa società dal 2010 al 2013. Dal 2015 è Vicepresidente della Società Italiana di Pediatria (Sip) e, dal 2016, tesoriere della Società europea di gastroenterologia, epatologia e nutrizione pediatrica (Espghan). I suoi interessi di ricerca riguardano in particolare la nutrizione e le intolleranze alimentari, la neurogastroenterologia e l’endoscopia pediatrica, i disordini funzionali gastrointestinali e della motilità esofagea, il microbiota intestinale e le malattie infiammatorie croniche intestinali. Lo studio di tali patologie ha portato alla pubblicazione di circa 300 manoscritti. Annamaria Staiano ha contribuito alla definizione di linee guida internazionali sulla gestione del reflusso gastroesofageo, della stipsi cronica, dell’allergia alle proteine del latte vaccino e della nutrizione nelle malattie infiammatorie croniche intestinali.


“Siamo orgogliosi – ha commentato Anna Iervolino, dg dell’Azienda ospedaliera universitaria Federico II di Napoli – che la professoressa Staiano sia alla guida della prestigiosa Sip e a lei vanno i migliori auguri di buon lavoro. La sua elezione è un’ulteriore testimonianza delle eccellenze della nostra Regione ed è importante che i nostri cittadini sappiano di poter contare su percorsi e professionalità in grado di garantire elevati standard di qualità delle cure. Ancor di più in ambito pediatrico, in cui il coinvolgimento di interi nuclei familiari è totale, dalla diagnosi ai processi terapeutici, ed è quindi fondamentale poter ricevere assistenza multispecialistica all’avanguardia nella propria Regione, limitando spostamenti che spesso compromettono l’equilibrio e la serenità delle famiglie stesse”.


Fonte: Adnkronos Salute

IT-NON-04795-W-05/2023