Possibile associazione tra l’attività dei neuroni dell’amigdala e la sindrome di Takotsubo

Uno studio pubblicato dall’European Heart Journal suggerisce che un aumento dell’attività dei neuroni dell’amigdala possa essere in qualche modo correlato allo sviluppo della sindrome di Takotsubo (TTS). Secondo i ricercatori, gli interventi per ridurre questa attività cerebrale correlata allo stress potrebbero aiutare a ridurre il rischio di sviluppare la TTS.


La TTS, nota anche come sindrome del “cuore spezzato”, è caratterizzata da un improvviso e temporaneo indebolimento dei muscoli del cuore che fa gonfiare il ventricolo sinistro del cuore, creando una forma simile a una trappola per polpi giapponese , da cui la patologia prende il nome. Questa condizione relativamente rara è stata descritta per la prima volta nel 1990, come una patologia innescata da episodi di grave disagio emotivo, come dolore, rabbia o paura, o reazioni a eventi felici o gioiosi. La TTS è più comune nelle donne, solo il 10% dei casi si verifica negli uomini.


L’amigdala è la parte del cervello che controlla le emozioni, la motivazione, l’apprendimento e la memoria ma è anche coinvolta nel controllo del sistema nervoso autonomo e nella regolazione della funzione cardiaca. “Lo studio suggerisce che l’aumento dell’attività neurobiologica associata allo stress nell’amigdala, che è presente anni prima che si verifichi la TTS, può svolgere un ruolo importante nello sviluppo della patologia”, spiega Ahmed Tawakol, che ha guidato lo studio. “Abbiamo anche identificato una relazione significativa tra l’attività cerebrale associata allo stress e l’attività del midollo osseo in questi individui. Insieme, i risultati forniscono informazioni su un potenziale meccanismo che può contribuire alla connessione cuore-cervello”.

I ricercatori hanno analizzato l’attività cerebrale di 104 persone che erano state sottoposte a scansioni PET-CT al Massachusetts General Hospital per valutare la presenza di cancro. L’età media era di 68 anni, il 72% era composto da donne. Hanno confrontato i dati di 41 persone che hanno sviluppato TTS tra sei mesi e cinque anni dopo la scansione con quelli di 63 che non l’hanno fatto (controllo). L’intervallo tra la scansione, l’insorgenza di TTS, l’ultimo follow-up o la morte è stato in media di 2,5 anni per i 104 pazienti.


I ricercatori hanno scoperto che le persone che hanno sviluppato la TTS avevano una maggiore attività dell’amigdala correlata allo stress durante la scansione iniziale (misurata come rapporto tra l’attività dell’amigdala e l’attività delle regioni del cervello che contrastano lo stress) rispetto agli individui che non hanno successivamente sviluppato la TTS.
Tra i 41 pazienti che hanno sviluppato TTS, l’intervallo medio tra la scansione e la TTS è stato di 9 mesi, mentre nel gruppo di controllo di 63 pazienti, l’intervallo medio tra la scansione e l’ultimo follow-up o la morte è stato di 2,9 anni. “Tra i 41 pazienti che hanno sviluppato TTS, il 15% con la più alta attività dell’amigdala ha sviluppato TTS entro un anno dall’imaging, mentre quelli con attività meno elevata hanno sviluppato TTS diversi anni dopo”, aggiunge Tawakol.


Il processo mediante il quale lo stress induce il TTS non è ben compreso, ma può coinvolgere un meccanismo multi-organo che inizia con l’attivazione dei tessuti sensibili allo stress del cervello. Questa attività cerebrale a sua volta innesca numerosi altri eventi, tra cui il rilascio di ormoni dello stress, l’attivazione del sistema nervoso simpatico e il rilascio di cellule infiammatorie, ognuno dei quali può contribuire allo sviluppo di TTS.

Gli autori segnalano le limitazioni dello studio, che comprendono il fatto che si tratta di uno studio monocentrico che coinvolge pazienti affetti da cancro, cosa che può influire sullo sviluppo della TTS.


Fonte: European Heart Journal

IT-NON-04428-W-04/2023