Protesi fisse, impianto e denti adiacenti: contatto interprossimale

Gli studi sulla perdita di contatto interprossimale (ICL) associata a protesi fisse supportate da impianti (ISFP) hanno generalmente utilizzato il filo interdentale – o strisce di metallo – per determinare l’ICL e hanno mostrato un’elevata prevalenza dal 34% al 66%. Inoltre, i fattori protesici implantari che contribuiscono all’ICL sono stati raramente riportati.

Lo scopo di questo studio clinico, quindi, era di esaminare le radiografie di follow-up degli ISFP per determinare la prevalenza di contatti aperti tra l’ISFP e i denti adiacenti e, poi, di valutare i fattori di rischio associati all’ICL a livello del paziente, della protesi implantare e dei denti adiacenti.

I pazienti di un unico centro clinico, trattati con ISFP, sono stati inclusi nella ricerca; per ciascuno di essi sono state valutate le radiografie digitali ottenute al momento della consegna dell’ISFP e al successivo follow-up, e sono stati poi analizzati un totale di 180 ISFP con 296 contatti interprossimali in 147 pazienti. La prevalenza e i fattori di rischio di ICL a livello di paziente (età, sesso, diabete, fumo e bruxismo), protesi implantare (periodo di follow-up, posizione dell’arcata, splintaggio, materiali ceramici o metallici, avvitati o cementati e connessione abutment-fissaggio), e dente adiacente (lato mesiale o distale, contatto con il dente non restaurato, restauro in resina composita o protesi fissa, vitalità, altezza dell’osso e spaziatura controlaterale) sono stati esaminati attraverso regressioni logistiche e analisi dell’equazione di stima generalizzata.

I risultati hanno evidenziato l’insorgenza dell’ICL da 6 a 96 mesi dopo la consegna dell’ISFP. Invece, la prevalenza di ICL a livello del paziente era del 15,0%, a livello della protesi implantare del 13,3% e a livello dei denti adiacenti dell’8,8%. Inoltre, l’analisi GEE multivariabile ha riportato come il sesso a livello del paziente, il periodo di follow-up più lungo, le protesi implantari con connessioni esagonali esterne e ottagonali interne a livello della protesi implantare, la spaziatura controlaterale, il contatto con l’otturazione in resina composita e il lato mesiale dell’ISFP a livello del dente adiacente fossero fattori di rischio significativi di ICL, dove la spaziatura controlaterale aveva il più alto odds ratio adattato di 20,88.

Pertanto, la maggior parte delle ICL sono state trovate sul lato mesiale degli ISFP e le probabilità di ICL erano significative nei partecipanti con periodi di follow-up più lunghi. Le connessioni esagonali interne riportavano un rischio relativamente più basso rispetto alle altre e sono stati identificati molti fattori rilevanti per la componente anteriore della forza occlusale, fattori di rischio elevati per la perdita di contatto interprossimale.

Fonte: The Journal of Prosthetic Dentistry