Punteggio APS per predire il carcinoma epatocellulare

Per predire lo sviluppo del carcinoma epatocellulare (HCC) in pazienti affetti da epatite B cronica (CHB) è risultata molto utile l’elastografia bidimensionale (2D) ad onde di taglio (SWE).


Partendo quindi da questo approccio, i ricercatori hanno provato a sviluppare un modello di rischio per prevedere l’insorgenza di HCC nei pazienti con CHB e ne hanno poi confrontato il valore predittivo con quello di altri modelli.


I pazienti coinvolti sono stati sottoposti a SWE 2D e biopsia, dopodiché hanno ricevuto un regolare follow-up per il rilevamento di HCC. È stato perciò sviluppato un sistema di punteggio sfruttando i parametri del modello Cox proportional hazards e confrontando la performance predittiva con quella di altri punteggi.


Tra i 654 partecipanti allo studio, 26 hanno sviluppato HCC e su questi è stata basata la struttura del punteggio APS (Age, Platelets, 2D Shear-Wave Elastography) che considera diverse variabili: età, conta delle piastrine e misurazione della rigidità del fegato alla SWE 2D. Alla luce dei dati raccolti, questo sistema di punteggio è risultato particolarmente valido per prevedere il carcinoma epatocellulare nei pazienti con epatite B cronica indipendentemente dal grado di infiammazione e dai livelli di alanina aminotransferasi a cui altri modelli fanno riferimento.


Fonte: Radiology

IT-NON-05237-W-09/2023