Quasi la metà delle persone in Europa ha un problema alla pelle

I risultati di una nuova indagine presentati al congresso dell’ Accademia Europea di Dermatologia e Venerologia (Eadv) mostrano che quasi la metà (il 47,9%) della popolazione generale europea con più di 18 anni ha dichiarato almeno una condizione dermatologica negli ultimi 12 mesi.


Lo studio è il più grande mai intrapreso nel suo genere in Europa. I dati sono stati raccolti da 44.689 adulti di 27 Paesi europei, compresi tutti i paesi dell’Unione Europea, nonché Regno Unito, Norvegia e Svizzera.


I risultati preliminari mostrano che su 21.401 membri della popolazione generale, il 47,9% delle persone maggiorenni ha dichiarato di avere almeno una malattia della pelle. In media, le persone colpite hanno dichiarato una mediana di due malattie della pelle.


Proiettando queste cifre al totale della popolazione Neuks (Norvegia, Unione Europea, Regno Unito e Svizzera) di 408 milioni di abitanti di 18 anni di età, più di 195 milioni di adulti in Europa avrebbero almeno una malattia della pelle.


La condizione più comune tra gli intervistati è l’infezione fungina della pelle, che colpisce quasi 1 persona su 10 (9,07%). Altre condizioni comuni, ognuna delle quali colpisce più di 1 persona su 20, sono la dermatite atopica (5,34%), l’alopecia (5,22%) e l’acne (5,49%). Inoltre, sensazioni sgradevoli della pelle tra cui il prurito come richiesta specifica di consultazione sono stati riportati dal 20% delle persone.


Prima che l’Eadv intraprendesse questo studio, si sapeva poco sulla prevalenza delle malattie della pelle nella popolazione generale in Europa. Inoltre, mancano dati solidi, oggettivi e omogenei a livello europeo sull’impatto delle malattie della pelle sulla qualità della vita, inclusa la stigmatizzazione, o sulla percezione e l’accesso ai dermatologi. Adesso l’Accademia prevede di analizzare completamente i dati e di presentare i risultati iniziali per una potenziale pubblicazione.


Fonte: Eadv

IT-NON-05655-W-10/2023