Reflusso laringofaringeo: gravità del RGE genera diversi valori pressori su sfinteri

Uno studio pubblicato sul Journal of Clinical Medicine ha analizzato le modalità in cui la pressione esofagea sugli sfinteri varia a seconda della presenza di reflusso laringofaringeo e gravità della malattia.


“La malattia da reflusso laringofaringeo (LPRD) potrebbe essere associata a sintomi da reflusso e la sua gravità è correlata con l’indice dei sintomi di reflusso. La diagnosi è spesso difficile a causa della mancanza di strumenti diagnostici accurati” esordisce Yung-An Tsou, del China Medical University Hospital, Taichung Taiwan, primo nome dello studio. “Sebbene esista un’associazione tra LPRD e malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE), la misura in cui la pressione esofagea cambia nei pazienti con LRD e MRGE è sconosciuta” prosegue.


I ricercatori hanno esaminato le valutazioni cliniche e l’entità delle variazioni della pressione esofagea nei pazienti con LRPD con varie gravità di MRGE e hanno confrontato le pressioni dello sfintere esofageo per età, sesso e indice di massa corporea (IMC). La manometria esofagea ad alta risoluzione è stata utilizzata per raccogliere dati relativi alla pressione dell’area sullo sfintere esofageo superiore (UES) e sullo sfintere esofageo inferiore (LES), ed è stata determinata la correlazione tra tale pressione e la gravità dei sintomi.


La LPRD è stata misurata mediante laringoscopia e la MRGE è stata misurata mediante esofagoscopia e monitoraggio del PH 24 ore.


Ebbene, non ci sono state differenze significative nelle valutazioni cliniche tra i quattro gradi di MRGE. I pazienti LPRD con MRGE grave avevano una pressione UES e LES più bassa. Non sono state rilevate differenze significative nelle pressioni UES e LES per età, sesso o IMC.


Fonte: J Clin Med. 2021

IT-NON-06068-W-12/2023