Reflusso nei bambini: l’etnia gioca un ruolo importante nei primi mesi di vita

Secondo uno studio presentato alla Digestive Disease Week, la prevalenza di malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE) infantile è più alta nei primi tre mesi di vita e diminuisce con l’età, ed è dipendente dall’etnia.


“I disturbi funzionali gastrointestinali, tra cui MRGE, diarrea e costipazione, sono comuni nei bambini di età inferiore a un anno, sono una causa frequente di preoccupazione per i genitori e hanno un onere sanitario significativo” spiega Vanessa McLoughlin, del Singapore Institute for Clinical Sciences e della University of Oxford, che ha diretto il lavoro. “La ricerca sulla prevalenza e sulla storia naturale della malattia da reflusso è molto limitata e spesso limitata alle popolazioni occidentali, anche se sappiamo che negli adulti la prevalenza di MRGE varia notevolmente tra le popolazioni” prosegue.


Per studiare la prevalenza di MRGE e identificare potenziali fattori di rischio, i ricercatori hanno analizzato 347 famiglie che erano arruolate allo studio PREconception di Singapore sugli esiti materni e infantili a lungo termine.


Il follow-up è avvenuto a sei settimane, tre mesi, sei mesi e 12 mesi tramite questionari convalidati per diagnosticare la malattia. Gli esperti hanno anche raccolto dati sulla percezione dei sintomi gastrointestinali dei bambini da parte dei genitori e sui cambiamenti nello stile di vita messi in atto per risolvere tali disturbi.


L’analisi dei dati ha mostrato che il 48,7% dei bambini nati da madri cinesi ha sofferto di MRGE durante il primo anno di vita, rispetto al 25% dei bambini nati da madri di altre etnie. La prevalenza di MRGE infantile era più alta a sei settimane (26,5%), ed è diminuita ad ogni follow-up fino ai 12 mesi (1,1%). L’allattamento al seno esclusivo in qualsiasi momento nei primi sei mesi ha ridotto le probabilità di MRGE nel primo anno, mentre l’allattamento artificiale le ha aumentate.


Le madri hanno avuto maggiori probabilità di cercare un consulto professionale per i sintomi gastrointestinali nei primi mesi, soprattutto a causa di rigurgiti, e le donne con un reddito familiare più elevato hanno avuto meno probabilità di chiedere consigli durante il primo anno rispetto alle madri di stato socioeconomico inferiore.


“Il nostro studio sottolinea l’importanza di considerare la diversa etnia e cultura di origine, adattando il trattamento e i consigli per la MRGE, nonché di educare genitori e operatori sanitari su sintomi o complicazioni, rendendo disponibili informazioni sugli interventi per mostrare loro come possono gestire i sintomi del loro bambino a casa” conclude McLoughlin.


Fonte: McLoughlin V, et al. Abstract 167. Presented at: Digestive Disease Week; May 21-23, 2021 (virtual meeting)

IT-NON-04828-W-06/2023