Rischio ipertensione cronica per donna ipertesa dopo il parto

Le donne che sviluppano ipertensione durante la gravidanza, e che continuano avere la pressione sanguigna elevata dopo il parto, hanno un rischio maggiore di sviluppare ipertensione cronica, secondo uno studio pubblicato dall’American Journal of Obstetrics and Gynecology.


“Sfruttando i dati del nostro programma di monitoraggio remoto dell’ipertensione post-partum su larga scala, siamo stati in grado di scoprire che la pressione sanguigna di una donna nelle prime sei settimane dopo il parto sembra essere un indicatore importante della probabilità che sviluppi ipertensione cronica da sei a 18 mesi più tardi” spiega Eesha Dave, della University of Pittsburgh, primo nome dello studio.


Pur essendo stata collegata a malattie cardiache, e a un aumento del rischio di ictus e della mortalità generale, l’ipertensione cronica spesso non viene trattata a dovere, tanto che solo un adulto su quattro che soffre di questa patologia la tiene sotto controllo. I ricercatori hanno esaminato la pressione di 368 donne che all’inizio della gravidanza non soffrivano di ipertensione e le hanno seguite da sei a 18 mesi dopo il parto.


Per sei settimane dopo il parto, le donne hanno misurato la pressione sanguigna a casa utilizzando un sistema di monitoraggio remoto collegato ai loro smartphone, e sono state raccolte in totale 5.958 letture della pressione sanguigna.


L’analisi dei dati ha mostrato che, alla prima visita dopo il parto, quasi la metà delle donne ha riferito valori pressori alti. Queste donne hanno avuto un calo più lento della pressione sanguigna nelle prime sei settimane dopo il parto e una pressione sanguigna più alta alla visita dopo il parto rispetto alle restanti donne, che non hanno sviluppato ipertensione.


“Queste informazioni possono aiutarci a identificare meglio le donne che potrebbero essere a rischio di sviluppare problemi cardiovascolari più avanti nella vita, e ad adottare misure preventive” concludono gli autori. 


Fonte: American Journal of Obstetrics and Gynecology

IT-NON-04150-W-03/2023