Ruolo degli zuccheri nell’invecchiamento della pelle

Un gruppo di ricercatori giapponesi ha osservato come i cambiamenti del repertorio di zuccheri complessi (glicani) delle cellule staminali epidermiche potrebbero rappresentare un potenziale biomarcatore dell’invecchiamento.

La pelle è il più grande organo umano ed è una barriera vitale contro le infezioni e la perdita di liquidi. L’invecchiamento compromette le difese e la guarigione delle ferite, mentre aumenta la perdita di capelli e il rischio di cancro.

Un processo chiave alla base della funzione epidermica è la glicosilazione cellulare che consiste nell’attaccare i glicani alle proteine. Si pensa ora che “il risultato glicemico delle cellule” potrebbe riflettere la portata funzionale e servire da indice dell’età.

I ricercatori hanno isolato per la prima volta cellule staminali epidermiche dalla pelle di topi da laboratorio giovani e vecchi, comprendendo sia le cellule del follicolo pilifero sia quelle epidermiche interfollicolari. 

Queste cellule sono poi state analizzate dal punto di vista del profilo di glicano. I risultati hanno mostrato un cambiamento del profilo glicemico modulato in base all’età e dall’espressione della glicosidasi.

Secondo i ricercatori, i progressi futuri potranno aiutare a gestire i disturbi della pelle a livello di cellule staminali, compresi i cambiamenti degenerativi legati all’età, la guarigione delle ferite compromessa e il cancro.

Fonte: Aging Cell