Salute: Iss, Italia raggiunge iodosufficienza, scomparso gozzo in età scolare

Il report dell’Osservatorio Osnami dell’Istituto superiore di sanità

L’Italia ha raggiunto la iodosufficienza: la determinazione della concentrazione urinaria di iodio effettuata sui piccoli di età compresa tra gli 11 e i 13 anni ha evidenziato il raggiungimento della iodosufficienza in tutte le Regioni esaminate, mentre la valutazione ecografica del volume tiroideo in questi bambini ha mostrato la scomparsa del gozzo in età scolare. E’ quanto risulta dall’indagine condotta su 4mila bambini italiani per valutare l’assunzione di iodio nella popolazione italiana, i cui risultati sono riportati dal report dell’Osservatorio nazionale per il monitoraggio della iodoprofilassi in Italia (Osnami) dell’Istituto superiore di sanità, in collaborazione con gli Osservatori regionali per la prevenzione del gozzo.


L’indagine ha riguardato 9 Regioni rappresentative del Nord, Centro e Sud del Paese (Liguria, Emilia Romagna, Veneto, Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Calabria, Sicilia). In collaborazione con i centri di screening neonatale per l’ipotiroidismo congenito di Lombardia, Emilia Romagna, Veneto-Verona e Calabria, inoltre – riferisce l’Iss in una nota – è stata analizzata la frequenza di valori elevati di Tsh neonatale, un marcatore utilizzato per lo screening neonatale dell’ipotiroidismo congenito in tutti i neonati e che costituisce un indicatore di nutrizione iodica in epoca neonatale e, indirettamente, della gravidanza. Anche l’analisi questo indicatore ha mostrato un miglioramento, con una riduzione dei valori elevati (6,4% nel 2004; 4,9% nel 2018).


Un più accurato monitoraggio delle donne in gravidanza è attualmente in corso, informa l’Iss. Altro dato importante è l’utilizzo del sale iodato in circa il 70% delle famiglie dei bambini reclutati, dato coerente con i risultati dello studio Passi condotto dall’Iss su 130.000 intervistati adulti, che ha evidenziato l’uso del sale iodato nel 74% degli italiani intervistati.

Fonte: Adnkronos Salute