Salute mentale tra i pazienti con linfoma non Hodgkin

Uno studio danese, pubblicato dalla rivita Hematology, mostra che le complicanze della salute mentale tra i pazienti affetti da un linfoma non Hodgkin (NHL) sono frequenti.

Il disagio psicologico successivo alla diagnosi di cancro può portare a complicazioni per la salute mentale tra cui depressione e ansia. L’uso accidentale di farmaci psicotropi (antidepressivi, antipsicotici e ansiolitici) e la sua correlazione con i tipi di linfoma possono fornire informazioni sul disagio psicologico che questi pazienti devono sopportare.

Nello studio di coorte prospettico, i ricercatori hanno utilizzato registri basati sulla popolazione a livello nazionale per analizzare il rischio cumulativo di uso di psicotropi nei pazienti con NHL.

In totale, sono stati inclusi 8.750 pazienti con NHL e 43.750 controlli appaiati (età mediana 68; rapporto maschi: femmine 1,6). Il follow-up mediano è stato di 7,1 anni. Il rischio cumulativo a due anni dell’uso di psicotropi era più alto nei pazienti con NHL (16,4%) rispetto ai controlli (5,1%,); i pazienti con sottotipi aggressivi di NHL avevano l’incidenza più alta.

I tassi di prescrizione erano più alti nei primi anni dopo la diagnosi, ma si avvicinavano al tasso della popolazione abbinata a cinque anni di sopravvivenza nei NHL aggressivi, mentre i pazienti con sottotipi indolenti continuavano a essere a rischio più elevato. I pazienti con NHL avevano un rischio a due anni di suicidio/autolesionismo intenzionale leggermente più alto (0,3%) rispetto ai controlli abbinati (0,2%).

Questi risultati dimostrano che le complicanze della salute mentale tra i pazienti con NHL sono frequenti. La valutazione di routine per i sintomi di depressione e ansia dovrebbe essere considerata, secondo gli autori, come parte del follow-up standard dei pazienti con NHL.

Fonte: Am J Hematol. 2022 Mar 17. doi: 10.1002/ajh.26538

IT-NON-06718--W-03/2024