Sanità: Aiop e Agenas firmano accordo per migliori performance ospedali

Migliorare le prestazioni sanitarie delle strutture ospedaliere per accrescere la tutela della salute dei cittadini. E’ l’obiettivo della convenzione biennale sottoscritta dall’Associazione italiana ospedalità privata (Aiop) e dall’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas). In particolare, l’accordo prevede per le strutture associate Aiop la possibilità di fruire di un supporto scientifico qualificato da parte dell’Agenas, garantito principalmente da un percorso formativo specifico, riservato alle figure professionali coinvolte nell’assistenza sanitaria.


Si tratta, secondo Aiop e Agenas – di una “proposta di ristrutturazione culturale, con l’obiettivo di migliorare la qualità dei dati analizzati e gli stessi percorsi di cura e, quindi, elevare i livelli complessivi di performance clinica e organizzativa, a beneficio degli utenti”.


“Siamo orgogliosi – afferma Barbara Cittadini, presidente di Aiop – di rendere operativa la convenzione, con un piano operativo per l’anno in corso, che testimonia una sinergia virtuosa tra Aiop e Agenas, che ha l’obiettivo di procedere a un’analisi puntuale dei dati di valutazione rilasciati dal sistema Pne (Programma nazionale esiti) sulla componente di diritto privato del sistema sanitario nazionale e di definire un programma di formazione dei codificatori e degli analisti operanti nelle strutture. La prospettiva è quella di migliorare la qualità dei flussi Sdo (Schede dimissioni ospedaliere) inviati e superare eventuali criticità rilevate attraverso le opportune procedure di audit messe a disposizione dall’Agenzia”.


“Agenas – dichiara il direttore generale, Domenico Mantoan – si configura come organo tecnico-scientifico del Servizio sanitario nazionale, che assicura la propria collaborazione tecnico-operativa in tema di efficacia degli interventi sanitari nonché di qualità, sicurezza e umanizzazione delle cure. Dunque, abbiamo accolto con favore la possibilità di implementare una collaborazione con l’Aiop che permetterà di avere dati di maggiore qualità, elemento propedeutico per una corretta programmazione”.


Fonte: Adnkronos Salute