Sanità: Ordine psicologi, ‘bene Consulta su cure primarie’

Lazzari, ‘riconosciute battaglie categoria’ – Boldrini, ‘Parlamento approvi presto legge nazionale’


“Apprendiamo con soddisfazione che la Corte Costituzionale ha respinto l’opposizione del Governo alla legge della Campania sulla psicologia di cure primarie, e ha citato due leggi, il cd Decreto Calabria del 2019, che prevede la possibilità dello psicologo in aiuto ai medici di famiglia, e la legge 176/2020 che prevede il coordinamento degli psicologi nelle aziende sanitarie”. Lo dichiara David Lazzari, presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine degli Psicologi, che aggiunge: “Sono due norme per le quali il Cnop si è battuto e che, come si vede, stanno manifestando la loro importanza per una sanità capace di guardare alle persone. La Corte di fatto – spiega Lazzari – dice che lo psicologo nelle cure primarie è una realtà già prevista. È urgente quindi l’approvazione della legge nazionale per regolamentarne le funzioni. Il bisogno è così forte che le Regioni stanno di fatto anticipando la norma nazionale”.


“Sono particolarmente contenta del risultato della Consulta – commenta la senatrice Paola Boldrini, vicepresidente commissione sanità Senato e prima firmataria ddl psicologo cure primarie – che boccia il ricorso contro la legge regionale della Campania per l’istituzione dello psicologo delle cure primarie. Questo risultato – prosegue – avvalora il lavoro che stiamo facendo in Senato con la proposta di legge a mia prima firma per il riconoscimento della figura dello psicologo di cure primarie a livello nazionale, ma anche l’emendamento che avevo presentato, diventato legge, per la funzione aziendale di psicologia. È ora urgente che il Parlamento arrivi alla approvazione della legge – ammonisce la senatrice – per regolamentare in modo uniforme la figura dello psicologo di base in tutto il Paese”.

Fonte: Adnkronos Salute