Sanità: Speranza, ‘in Recovery investire su casa luogo di cura e digitale’

‘Prossimità parola guida per riforma Ssn’


“Io credo che i tempi siano maturi per la riforma del nostro sistema sanitario nazionale. Dentro il Recovery Fund investiamo risorse strategiche esattamente sul rafforzamento della sanità sul territorio. Parlo della parola prossimità come parola guida di questa riforma: la casa come primo luogo di cura, l’idea di rafforzare gli ospedali di comunità, le case di comunità. Cioè l’idea di un Servizio sanitario nazionale il più vicino possibile alle esigenze del cittadino”. Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza rispondendo alle domande del direttore del ‘Corriere della Sera’, Luciano Fontana, durante l’online Talk Sanità organizzato da Rcs Academy, sul tema ‘Strategie per la riforma del sistema e vincere la pandemia’. 


“Sarà questo il tratto fondamentale della riforma del nostro sistema sanitario nazionale”, ha ribadito. Parola d’ordine: prossimità, “concetto che dobbiamo declinare anche dal lato della sanità digitale”, ha sottolineato Speranza. “Quando diciamo la casa come primo luogo di cura – ha precisato – parliamo dell’idea di far diventare l’Italia il primo Paese d’Europa per assistenza domiciliare, che oggi per le persone con più di 65 anni è ancora molto bassa, era al 4% e con il decreto Rilancio l’abbiamo portata al 6,7%. I migliori Paesi europei su questo sono Francia e Germania col 9%. Io voglio portare l’Italia al 10%, laddove la media dei Paesi Ocse è del 6%. Per far questo servono risorse e su questo voglio investire”. 


Per quanto riguarda la sanità digitale, ha aggiunto il ministro, “prossimità significa un medico e un infermiere che vengono a casa, ma significa anche un Ssn in grado di dialogare col cittadino anche attraverso uno strumento informatico, attraverso il cellulare”. Quindi l’idea è di “unire un’idea di innovazione, l’utilizzo delle reti e delle nuove tecnologie, ma anche la capacità di conservare un presidio di prossimità, di infermieri e medici che tornano a operare in maniera più significativa nella casa, luogo dove ognuno di noi si sente a proprio agio”. 


Fonte: Adnkronos Salute