Scompenso acuto: emoglobina, albumina, linfociti e piastrine possono costituire un indice prognostico

Il punteggio HALP (emoglobina, albumina, linfociti e piastrine) modificato è un potenziale indice prognostico indipendente per i pazienti con scompenso cardiaco acuto. Questo è quanto hanno concluso Salih Kocaoglu, della Balikesir University, in Turchia, e il suo gruppo di lavoro, in uno studio pubblicato sul Journal of College of Physicians and Surgeons Pakistan, nel quale hanno trovato anche che il punteggio HALP classico non è adeguato per predire la prognosi precoce e tardiva.

“Abbiamo voluto studiare la relazione tra il punteggio HALP, il punteggio HALP modificato (m-HALP), e la prognosi nei pazienti che si presentano al pronto soccorso con scompenso cardiaco acuto” spiegano gli autori.

I ricercatori hanno valutato i dati di 101 pazienti con diagnosi scompenso cardiaco acuto suddividendoli in due gruppi, ovvero sopravvissuti e non sopravvissuti. Entrambi i gruppi sono stati confrontati in termini di valori HALP, m-HALP, PLT, il rapporto neutrofili-linfociti (NLR) e il rapporto piastrine-linfociti (PLR). L’analisi della curva ROC è stata eseguita per valutare le loro prestazioni diagnostiche nel discriminare tra una settimana e tre mesi di mortalità. Per ottenere il valore di soglia ottimale è stato utilizzato l’indice Youden J.

L’età media degli individui inclusi nello studio era 73,15 anni, il 51,5% (n=52) era composto da femmine e il 48,5% (n=49) da maschi. I tassi di mortalità a una settimana e a tre mesi erano rispettivamente dell’11,9% e del 38,6%. Per quanto riguardava la mortalità a una settimana e a tre mesi, le piastrine erano significativamente più alte nel gruppo dei sopravvissuti rispetto al gruppo dei non sopravvissuti. Il punteggio m-HALP e l’NLR sono risultati buoni predittori di mortalità a tre mesi. I valori di soglia ottimali del punteggio m-HALP, delle piastrine e dell’NLR nella previsione della mortalità a tre mesi sono stati pari a ≤1081723,5, ≤217 e >8,4. I valori dell’area sotto la curva (AUC) erano pari a 0,687, 0,663 e 0,643. La sensibilità del punteggio m-HALP, delle piastrine e dell’NLR era pari a 76,92, 66,67 e 46,15 e i valori di specificità erano rispettivamente 56,45, 67,74 e 79,03.

J Coll Physicians Surg Pak. 2022 Jun;32(6):706-711. doi: 10.29271/jcpsp.2022.06.706.

https://www.jcpsp.pk/article-detail/pthe-efficiency-of-the-halp-score-and-the-modified-halp-score-in-predicting-mortality-in-patients-with-acute-heart-failure-presenting-to-the-emergency-departmentorp

IT-NON-07246-W-06/2024