Screening per il tumore del colon-retto: le comorbidità influenzano la probabilità di sottoporsi al test

Una ricerca pubblicata dal Journal of Osteopathic Medicine fa emergere un nuovo dato sulla frequenza con cui i pazienti anziani, con una o più comorbidità, vengono sottoposti a screening per il tumore del colon retto.


Secondo le analisi dei ricercatori dell’Università del Texas, gli anziani con una o più condizioni di salute hanno maggiori probabilità di essere sottoposti a screening rispetto a quelli senza comorbidità. Tuttavia, i pazienti con cinque o più condizioni di salute hanno meno probabilità di essere sottoposti a screening rispetto ai pazienti con due o quattro comorbidità.


“È stata una vera sorpresa vedere come le altre condizioni di salute di un paziente influiscono sulla loro probabilità di sottoporsi allo screening”, commenta Ben Greiner, primo autore dello studio. “I nostri risultati rivelano che l’assenza di comorbidità o una miriade di condizioni di salute possono impedire ai pazienti di ricevere le cure preventive di cui hanno bisogno”.


I ricercatori hanno intervistato 279.784 persone con più di 50 anni. Il 79,7% aveva ricevuto lo screening per il cancro del colon-retto. I pazienti con diabete, ipertensione, cancro della pelle, broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), artrite, depressione e malattia renale cronica avevano una probabilità significativamente maggiore di essere sottoposti a screening rispetto a quelli senza comorbidità. Non c’era alcuna differenza statisticamente significativa nei tassi di screening tra i pazienti con e senza malattia cardiovascolare. Rispetto ai pazienti senza comorbidità, quelli che ne avevano almeno una avevano una probabilità significativamente maggiore di ricevere lo screening. I pazienti con cinque o più comorbidità avevano una probabilità significativamente inferiore di essere sottoposti a screening rispetto a quelli con due o quattro.


“Può darsi che il medico curante o un paziente che soffre di cinque o più stati patologici aggiuntivi sia affaticato da esigenze di trattamento più pressanti e quindi non dia la priorità a screening importanti”, continua Greiner. “Mi preoccupo anche per la persona che non ha altre condizioni di salute e o non vede il proprio medico regolarmente o, visto che sta bene, non segue la raccomandazione di screening”. Un ampio studio statunitense ha rilevato che un aumento dell’aderenza allo screening di circa il 40% corrispondeva a una riduzione del 52% della mortalità per cancro e le linee guida dell’ American Cancer Society (ACS) raccomandano che tutti i pazienti di età pari o superiore a 45 anni siano sottoposti a screening.


Fonte: Journal of Osteopathic Medicine

IT-NON-04685-W-05/2023