Siccità e Hiv, esiste un collegamento

Secondo le previsioni, entro il 2025 circa 1,8 milioni di persone vivranno in Paesi o regioni con risorse idriche insufficienti, e i modelli mostrano una maggiore gravità della siccità negli anni a venire. L’insicurezza alimentare e le altre conseguenze della siccità si intensificheranno, influenzando la vulnerabilità alle malattie delle popolazioni dei Paesi meno sviluppati. Una nuova ricerca ha esplorato come la siccità influenzi indirettamente le disuguaglianze di genere nel carico di Hiv.

Questo studio si basa su precedenti tentativi di spiegare la quota sproporzionata di casi globali di Hiv in donne attraverso disuguaglianze biologiche, culturali e socioeconomiche, inserendo nella discussione l’ambiente e i disastri legati al clima. Secondo i ricercatori, la fame e l’insicurezza alimentare sono fattori chiave che motivano l’impegno delle donne nel matrimonio precoce, nella prostituzione, nelle relazioni sessuali transazionali e in altre forme di legami sessuali rischiosi.

Utilizzando un approccio di modellazione delle equazioni strutturali, i ricercatori hanno testato i legami indiretti e diretti tra l’insicurezza alimentare e l’Hiv, così come la catena causale dei fattori che coinvolgono la siccità, l’insicurezza alimentare e il virus nelle donne. I risultati dello studio hanno rilevato che la siccità aumenta l’insicurezza alimentare e che questa ha un impatto indiretto e negativo sullo stato delle donne, tra cui una minore partecipazione all’istruzione, tassi di fertilità più elevati e un accesso ridotto alle cure mediche. Poiché lo status di donna e l’uso di contraccettivi sono strettamente legati, questi impedimenti aumentano direttamente la percentuale di casi di Hiv nella popolazione femminile, confermando quindi l’ipotesi dei ricercatori.

Secondo la ricerca, quando si verifica una crisi, le donne sono in genere le prime a sacrificare il proprio cibo per garantire che la propria famiglia abbia abbastanza da mangiare. L’insicurezza alimentare porta direttamente a rischi di infezione attraverso carenze di nutrienti. Secondo gli esperti, i responsabili politici e le persone che lavorano nello sviluppo internazionale e nella risposta ai disastri dovrebbero tener conto di queste informazioni.

Fonte: Social Indicators Research

IT-NON-03494-W-12/2022