Sindrome bocca urente: personalità, stress percepito ed attività fisica

La sindrome della bocca urente (BMS) è una patologia dolorosa di lunga durata che è comunemente associata a sintomi d’ansia e a eventi negativi e stressanti riportati da coloro che ne ricevono la diagnosi.

I biomarcatori correlati allo stress sono stati posti in relazione ai tratti della personalità nella BMS, ed una personalità con elevata suscettibilità allo stress ed un’elevato grado di stress percepito potrebbero essere rilevanti in questo contesto.

Per quanto siano stati suggeriti approcci biopsicosociali per la gestione del dolore orofacciale di lunga durata, ad oggi poco è noto sull’attività fisica condotta dalle donne con BMS.

E’ stato dunque condotto uno studio atto ad accertare se personalità, stress percepito ed attività fisica siano in grado di distinguere le donne con BMS dai soggetti di controllo.

Sono state prese in considerazione 45 donne con BMS e 55 sane di controllo, e al questionario SSP le sottoscale relative ad ansia somatica, ansia psichica, suscettibilità allo stress ed aggressione verbale differivano fra i due gruppi, inoltre i punteggi relativi ai fattori della personalità di nevrosi ed aggressività erano maggiori nelle donne sintomatiche.

Le donne con BMS hanno riportato una maggiore frequenza di attività fisica, e quelle che hanno riportato attività fisica per meno di 4 giorni alla settimana presentavano maggiori punteggi alla scala PSQ rispetto alle altre.
La personalità dunque risulta diversa nelle donne con BMS rispetto alle altre. I dati suggeriscono che l’attività fisica debba essere in futuro valutata in modo più esaustivo negli studi sulla BMS, e per estensione la stessa attività fisica potrebbe costituire un’opzione terapeutica per le donne con BMS.

La gestione del dolore atta a ripristinare la funzionalità e la mobilità con riduzione dello stress dovrebbe essere presa in considerazione nel processo decisionale clinico per le donne con BMS che presentano una personalità suscettibile allo stress, specialmente se la paziente riporta un elevato livello di stress percepito ed un livello insufficiente di attività fisica. 

Fonte: Scand J Pain online 2020