Sintomi depressivi associati al declino della funzione renale

Uno studio condotto dai medici del Nanfang Hospital, in Cina, e pubblicato dal CJASN, rivela un’associazione tra sintomi depressivi gravi e declino della funzione renale negli adulti con funzione renale normale.


Ricerche precedenti hanno suggerito un legame tra i sintomi depressivi e il rapido declino della funzione renale nei pazienti con malattia renale cronica (CKD). Il team guidato da Xianhui Qin ha esaminato le informazioni di 4.763 individui i cui reni erano sani quando si sono iscritti al China Health and Retirement Longitudinal Study (CHARLS).


All’inizio dello studio, il 39% dei partecipanti aveva sintomi depressivi elevati e durante un follow-up mediano di 4 anni, 260 (il 6%) partecipanti hanno sperimentato un rapido declino della funzione renale. C’era un’associazione significativa tra i sintomi depressivi all’inizio dello studio e il rapido declino della funzione renale durante il follow-up. I partecipanti con sintomi depressivi frequenti avevano 1,4 volte più probabilità di sperimentare un rapido declino della funzione renale rispetto ai partecipanti con sintomi depressivi rari, dopo gli aggiustamenti.


“La malattia renale cronica è uno dei principali fattori di rischio per le malattie cardiovascolari, l’insufficienza renale e la mortalità in tutto il mondo. Pertanto, l’identificazione di fattori di rischio modificabili può ridurre l’enorme onere della malattia renale cronica e delle sue complicanze correlate, portando alla diagnosi precoce e alla prevenzione”, osserva Qin. “Anche se il nostro studio non mostra una relazione di causalità, rivela un’associazione tra sintomi depressivi importanti e un rapido declino della funzione renale tra gli adulti cinesi con funzione renale normale. Se ulteriormente confermati, i nostri dati forniscono alcune prove per lo screening dei sintomi depressivi e interventi psicosociali efficaci per migliorare la prevenzione della CKD”.


Fonte: CJASN May 2021