Sollievo dallo stress, componente critica della gestione del diabete

Nei soggetti con diabete di tipo 2, a differenza di quanto accade negli altri, l’ormone dello stress, noto come cortisolo, tende a rimanere elevato nel corso della giornata, e ciò risulta associato ad un incremento della glicemia a digiuno nel corso degli anni.

Secondo un recente studio condotto su 1.275 persone, per mantenere un buon controllo glicemico i pazienti con diabete di tipo 2 dovrebbero imparare a gestire lo stress oltre a prestare attenzione ad altri fattori correlati allo stile di vita, come affermato dall’autrice Jenny Pena Dias della Johns Hopkjns University di Baltimora.

La maggior parte dei soggetti con diabete di tipo 2 conosce l’importanza di fare esercizio regolare, seguire una dieta sana e riposare molto, ma il sollievo dallo stress è fondamentale e viene spesso trascurato nella gestione del diabete.

Che sia tramite un corso di yoga, una passeggiata o una buona lettura, trovare un modo per ridurre i livelli di stress è importante per lo stato di salute generale di chiunque, ed in particolare per i soggetti con diabete di tipo 2.

La regolazione fisiologica sana dei livelli di cortisolo segue un profilo circadiano, con elevati livelli al risveglio che aumentano del 50-70% nell’arco di mezz’ora, seguiti poi da un declino nel resto della giornata, raggiungendo un nadir fra le 16 e le 18 ore dopo il risveglio stesso.

La correlazione fra cortisolo e glicemia a digiuno nel tempo nei soggetti con livelli glicemici normali o alterati tuttavia non era sinora chiara.

E’ stato riscontrato che la percentuale annua di incremento del livello di cortisolo al risveglio è correlata ad un significativo incremento nella glicemia a digiuno nell’arco di 6 anni, ed un più lento declino del cortisolo dal risveglio all’ora del sonno risulta associato ad un incremento nel susseguente incremento percentuale anno della glicemia a digiuno, indipendentemente dal BMI.

Sono necessari ulteriori studi per esaminare queste correlazioni con una dettagliata fenotipizzazione clinica e metabolica allo scopo di determinare i meccanismi tramite i quali la secrezione del cortisolo altera il metabolismo del glucosio, e di sviluppare nuovi target terapeutici per il trattamento del diabete di tipo 2.

I ricercatori stanno attualmente investigando la correlazione fra cortisolo e sviluppo del diabete e delle patologie cardiovascolari, ed hanno iniziato anche uno studio per accertare se le pratiche di consapevolezza possano ridurre la glicemia nei soggetti con diabete di tipo 2.

La consapevolezza comunque non è l’unica forma efficace di sollievo dallo stress, ed è importante che il paziente trovi qualcosa di suo gusto e che lo renda parte della sua routine quotidiana. 

Fonte: Psychoneuroendocrinology online 2020

IT-NON-02668-W-07/2022