Sopravvissuti al Covid-19: traiettoria di un anno di cambiamenti cognitivi

La sopravvivenza al Covid-19 potrebbe essere associata a un aumento del rischio di declino cognitivo longitudinale, secondo uno studio pubblicato dalla rivista JAMA Network.

I ricercatori hanno analizzato la traiettoria di 1 anno dei cambiamenti cognitivi nei sopravvissuti al Covid-19 più anziani. Sono stati reclutati 3.233 soggetti di età pari o superiore a 60 anni che sono stati dimessi dal Covid-19 da 3 ospedali cinesi. I loro coniugi non infetti (466 soggetti) sono stati reclutati come popolazione di controllo. Sono stati esclusi i partecipanti con deterioramento cognitivo pre-infezione, un disturbo neurologico concomitante o una storia familiare di demenza, così come quelli con gravi malattie cardiache, epatiche o renali o qualsiasi tipo di tumore. Il monitoraggio del funzionamento cognitivo e del declino si è svolto a 6 e 12 mesi.

Un totale di 1.438 sopravvissuti al Covid-19 e 438 soggetti di controllo sono stati inclusi nel follow-up finale. Il Covid-19 è stato classificato come grave o non grave secondo le linee guida dell’American Thoracic Society. L’esito principale era il cambiamento nella cognizione un anno dopo la dimissione del paziente. I cambiamenti cognitivi durante il primo e il secondo periodo di follow-up di 6 mesi sono stati valutati utilizzando rispettivamente il questionario informativo sul declino cognitivo negli anziani e l’intervista telefonica sullo stato cognitivo-40 (Telephone Interview of Cognitive Status-40). Sulla base dei cambiamenti cognitivi osservati durante i 2 periodi, le traiettorie cognitive sono state classificate in 4 categorie: cognizione stabile, declino cognitivo a esordio precoce, declino cognitivo a esordio tardivo e declino cognitivo progressivo.

L’incidenza del deterioramento cognitivo nei sopravvissuti 12 mesi dopo la dimissione era del 12,45%. Gli individui con casi gravi avevano punteggi più bassi al colloquio telefonico sullo stato cognitivo-40 rispetto a quelli con casi non gravi e individui di controllo a 12 mesi. Il Covid-19 grave è stato associato a un rischio più elevato di declino cognitivo a esordio precoce, declino cognitivo a esordio tardivo e declino cognitivo progressivo, mentre il Covid-19 non grave era associato a un rischio più elevato di declino cognitivo a esordio precoce durante l’adeguamento per età, sesso, livello di istruzione, indice di massa corporea e comorbidità. 

Fonte: JAMA Neurol. Published online March 08, 2022. doi:10.1001/jamaneurol.2022.0461

IT-NON-06637-W-03/2024