Sopravvivenza tra i non fumatori con tumore polmonare

I risultati di una ricerca americana, pubblicata dalla rivista Cancer Epidemiology, suggeriscono che, tra i pazienti con cancro al polmone, i non fumatori hanno una sopravvivenza più lunga.


Lo studio retrospettivo ha incluso 3.380 fumatori e 334 non fumatori a cui è stato diagnosticato un cancro ai polmoni allo Stony Brook University Hospital tra il 2003 e il 2016. Sono stati confrontati i risultati di sopravvivenza a 1, 3, 5 e 10 anni.


I fumatori con cancro del polmone avevano maggiori probabilità di essere femmine e avevano meno comorbidità rispetto ai pazienti con cancro ai polmoni che fumavano.


Sebbene il 60% dei pazienti sia stato diagnosticato in una fase successiva dello sviluppo della malattia, indipendentemente dallo stato di fumatore, la sopravvivenza complessiva a breve e lungo termine era significativamente più elevata tra i non fumatori rispetto a quelli con una storia di consumo di tabacco. Oltre all’età e allo stadio alla diagnosi, una storia di diabete è risultata essere un fattore prognostico significativo per una ridotta sopravvivenza tra i non fumatori. I ricercatori precisano comunque che sono necessari ulteriori studi per convalidare questi risultati e spiegare i risultati migliori osservati tra i non fumatori.


Fonte: Cancer Epidemiology

IT-NON-05489-W-09/2023