Sostituzione valvolare tramite chirurgia robotica: fattibile ma serve tempo per un uso ampio

La sostituzione della valvola aortica (AVR) attraverso chirurgia endoscopica totalmente robotica è una scelta fattibile e praticabile per i pazienti, ma richiede ulteriori miglioramenti per un uso più ampio, secondo quanto riferiscono Jiaqi Sun, del Daping Hospital, Chongqing, Cina, e il suo gruppo di lavoro in uno studio pubblicato sul Journal of Cardiothoracic Surgery.

“Abbiamo voluto valutare il ruolo della sostituzione della valvola aortica per via endoscopica totalmente robotica in cardiochirurgia. Per questo abbiamo analizzato quattro casi di sostituzione della valvola aortica  (AVR) robotica effettuati da dicembre 2016 a luglio 2018” affermano gli autori.

Tutte le operazioni sono state completate con il sistema robotico Da Vinci, e i pazienti erano maschi, con un’età media di 42,8. Gli esperti non hanno riscontrato mortalità e morbilità correlate alla procedura.

Il bypass cardiopolmonare medio e il tempo medio di cross-clamp sono stati rispettivamente di 252 min e 178,8 min. Il tempo medio in terapia intensiva è stato di 78,8 ore e la degenza media in ospedale è stata di 15 giorni.

Durante un follow-up medio di tre anni e sei mesi, i pazienti sono tornati alla vita normale e non è stato riscontrato alcun soffio cardiaco. Rispetto a prima dell’operazione, il punteggio dell’immagine corporea dei quattro pazienti è aumentato dopo l’operazione e i punteggi della scala dell’ansia e della depressione sono diminuiti.

Fonte: J Cardiothorac Surg. 2022 Jun 13;17(1):155. doi: 10.1186/s13019-022-01899-3.

https://cardiothoracicsurgery.biomedcentral.com/articles/10.1186/s13019-022-01899-3

IT-NON-07283-W-06/2024