Tassi infezione Covid-19 da madre a neonato sono bassi, ma esistono rischi indiretti

In un nuovo studio i ricercatori hanno visto che, mentre la trasmissione del virus Sars-Cov-2 da madre a neonato è rara, i neonati di madri con Covid-19 possono soffrire di rischi avversi indiretti per la salute come risultato del peggioramento della malattia materna.


All’inizio della pandemia, c’erano pochissimi dati per guidare le pratiche di cura neonatale basate sull’evidenza. Questo potrebbe essere il primo lavoro ad immergersi nei fattori di rischio per la trasmissione di Sars-CoV-2 da madre a neonato. I ricercatori si aspettavano che la modalità di parto o il grado di malattia materna aumentassero il rischio di infezione neonatale, ma hanno visto che non è così.


Esaminando i risultati neonatali durante il primo mese di vita di bambini nati in 11 ospedali del Massachusetts, il team ha identificato 255 neonati nati tra il 1 marzo e il 31 luglio 2020 da madri con un recente risultato positivo al test Sars-CoV-2. I ricercatori hanno usato il registro nazionale dell’American Academy of Pediatrics per la sorveglianza e l’epidemiologia dell’infezione perinatale da Covid-19, integrato da un registro specifico del Massachusetts.


Dei 255 neonati studiati, l’88,2% è stato testato per Sars-CoV-2, e solo il 2,2% è risultato positivo. Tuttavia, mentre i tassi di infezione tra i neonati sono stati relativamente bassi, il peggioramento della malattia materna ha rappresentato il 73,9% delle nascite pretermine. La nascita prematura può spesso portare a complicazioni acute e croniche, tra cui distress respiratorio, problemi di salute cronici e disabilità di sviluppo.


Il team ha trovato che gli esiti negativi a breve termine sono stati più strettamente associati con la nascita pretermine e le sue conseguenze, piuttosto che l’infezione del neonato con il virus. Tuttavia, i neonati di madri vulnerabili hanno avuto un rischio maggiore di aver il test positivo.



Fonte: Jama Network Open

IT-NON-04605-W-05/2023