Trattamento antitubercolare: diabete e prediabete sui risultati d’analisi

Attualmente non è ancora chiaro se il diabete o il prediabete influenzino gli esiti sfavorevoli del trattamento e la morte nelle persone con tubercolosi (PWTB).

 La PWTB confermata dalla cultura e suscettibile ai farmaci, arruolata nella coorte Regional Prospective Observational Research in Tuberculosis (RePORT) è stata stratificata in base allo stato glicemico secondo l’emoglobina glicata al basale. L’esito sfavorevole della tubercolosi (TB) è stato quindi definito come fallimento o modifica del trattamento, recidiva o morte; l’esito favorevole, invece, era la cura o il completamento del trattamento. Questi risultati sono stati corroborati utilizzando i dati della PWTB segnalati al Sistema Nazionale brasiliano di riferimento di notifica delle malattie (SINAN) per un totale di 20.989 casi e i modelli di regressione logistica hanno valutato le associazioni tra lo stato glicemico e gli esiti.

In entrambe le coorti considerate (643 vs 20.989) dall’analisi univariata, gli esiti sfavorevoli erano più frequentemente associati al fumo, all’uso di droghe illecite e all’infezione da virus dell’immunodeficienza umana. Il diabete, ma non il prediabete, è stato associato a esiti sfavorevoli nelle coorti RePORT e SINAN; mentre il diabete è stato associato a un alto rischio di morte (durante il trattamento della TB) in entrambi i gruppi.

Pertanto, i dati confermano come il diabete sia correlato a un aumento del rischio di esiti sfavorevoli e di mortalità nella PWTB brasiliana. Sono perciò necessari interventi per migliorare gli esiti del trattamento della TBC nelle persone con diabete.

Fonte: The Journal of Infectious Diseases – https://doi.org/10.1093/infdis/jiab427

IT-NON-06526-W-03/2024