Trattamento clip over-the-scope superiore all’embolizzazione arteriosa transcatetere nel sanguinamento refrattario dell’ulcera peptica

Il trattamento clip over-the-scope (OTSC) per sanguinamento di ulcera peptica refrattario è stato superiore all’embolizzazione arteriosa transcatetere (TAE) in termini di degenza in terapia intensiva e mortalità ospedaliera, secondo uno studio pubblicato sullo United European Gastroenterology Journal.


“L’embolizzazione arteriosa transcatetere o la chirurgia sono il trattamento standard del sanguinamento da ulcera peptica refrattario all’emostasi endoscopica. Le clip over-the-scope hanno mostrato superiorità rispetto al trattamento endoscopico standard, ma noi abbiamo voluto confrontare il trattamento OTSC con la TAE in questa popolazione di pazienti” afferma Armin Kuellmer, della University of Freiburg, primo nome dello studio.


I ricercatori hanno studiato 128 pazienti trattati con OTSC (n = 66) o TAE (n = 62) per sanguinamento di ulcera peptica refrattario, tra il 2009 e il 2019, in quattro centri accademici. L’endpoint primario era il successo clinico, considerato come emostasi e nessun sanguinamento entro sette giorni. Gli endpoint secondari erano gli eventi avversi, la durata della degenza in terapia intensiva e la mortalità.


Le caratteristiche dei pazienti erano simili in entrambi i gruppi, ma nel gruppo TAE le ulcere erano più grandi, più spesso localizzate nel bulbo duodenale, e la proporzione di sanguinamenti Forrest Ia era più alta. Il successo clinico è stato paragonabile in entrambi i gruppi (74,2% rispetto a 59,7%). La permanenza nell’unità di terapia intensiva, tuttavia, è stata significativamente più lunga nel gruppo TAE (media 8,0 rispetto a 4,7 giorni), nel quale anche gli eventi avversi gravi e la mortalità intraospedaliera sono stati significativamente più alti.


Fonte: United European Gastroenterol Journal

IT-NON-05368-W-09/2023