Tromboembolismo venoso: effetto di parametri piastrinici e vWF

Secondo uno studio norvegese pubblicato dalla rivista Blood, la reattività piastrinica e la conta piastrinica interagiscono biologicamente con livelli elevati di fattore plasmatico di von Willebrand (vWF), con conseguente aumento del rischio di tromboembolismo venoso incidente.


Sono stati inclusi nella ricerca basata sulla popolazione 403 casi e 816 controlli dello studio Tromsø. Fattore plasmatico di von Willebrand, conta piastrinica e volume piastrinico medio sono stati misurati in campioni di sangue prelevati al basale. Gli odds ratio (OR) con intervalli di confidenza (IC) al 95% per il tromboembolismo venoso sono stati stimati tra i terzili vWF, entro volumi piastrinici medi (<8,5, 8,5-9,5 e ≥9,5 fL) e conta piastrinica (<230, 230-299 e ≥ 300 × 109/L) predefiniti.


I partecipanti con livelli di fattore plasmatico di von Willebrand nel terzile più alto e con volume piastrinico medio ≥9,5 fL avevano un OR di 1,98 (95% CI, 1,17-3,36) per tromboembolismo venoso rispetto a quelli nel terzile vWF più basso e con volume piastrinico medio <8,5 fL .


Nel gruppo di esposizione congiunta, il 48% (95% CI, 15-96) dei casi di tromboembolismo venoso era attribuibile all’interazione biologica tra fattore plasmatico di von Willebrand e volumi piastrinici medi. Allo stesso modo, gli individui con vWF nel terzile più alto e la conta piastrinica ≥300 × 109/L avevano un OR di 2,91 (IC 95%, 1,49-5,67) rispetto a quelli con vWF nel terzile più basso e conta piastrinica <230 × 109/L e il 39% (IC 95%, da -2 a 97) dei casi di tromboembolismo venoso nel gruppo di esposizione congiunta è stato spiegato dall’interazione. 


Fonte: Blood

IT-NON-06118-W-12/2023