Tubercolosi: recidiva dopo trattamento di successo

Dal momento che la recidiva post-trattamento rimane una sfida per il controllo globale della tubercolosi (TB), un gruppo di ricercatori di Shangai ha deciso di esaminare i dati longitudinali sui tassi di recidiva della tubercolosi polmonare e sui fattori di rischio di recidiva tra i casi di tubercolosi trattati con successo.

Sono quindi stati valutati 33.441 pazienti naïve al trattamento con diagnosi di tubercolosi non multiresistente, positiva allo striscio dell’espettorato e poi sono stati inclusi i dati di 9.828 pazienti con tubercolosi, ma trattati con successo.

Un totale del 4,9% dei casi è stato classificato come ricorrente, individuato entro un periodo mediano di osservazione della durata di 1.565 giorni. Tuttavia, il 51,1% delle recidive si è verificato entro 1 anno e i tassi cumulativi di recidiva a 2 e 5 anni erano rispettivamente del 3,90% e del 5,4%. Il trattamento prolungato (oltre 7 mesi) si è verificato nel 64,7% dei pazienti, con una durata mediana del trattamento di 242 giorni. Inoltre, sesso maschile, età pari o superiore a 60 anni, cavità polmonare e positività all’espettorato a 2 mesi sono stati individuati come caratteristiche correlate ad un aumento del ​​rischio di recidiva di tubercolosi. Il trattamento prolungato, invece, è stato associato a una ridotta recidiva della tubercolosi.

Pertanto, la recidiva rimane un problema per i pazienti trattati con successo con tubercolosi polmonare positiva allo striscio di espettorato, in particolare quelli con fattori di rischio indipendente.

Fonte: Clinical Microbiology and Infection – https://doi.org/10.1016/j.cmi.2021.09.022

(https://www.clinicalmicrobiologyandinfection.com/article/S1198-743X(21)00546-2/fulltext)

IT-NON-07033-W-05/2024