Tumore al seno: sintomi che incidono sulla qualità della vita delle sopravvissute

Oltre il 70% delle donne sopravvive almeno 10 anni dopo la diagnosi di cancro al seno nella maggior parte dei paesi europei grazie alla diagnosi precoce e al trattamento. Quindi, la qualità della vita dopo il cancro è diventata un aspetto particolarmente importante. Uno studio che sarà presentato al Congresso virtuale ESMO Breast Cancer 2021 (5-8 maggio) ha rivelato un bisogno insoddisfatto di approcci su misura per l’assistenza di follow-up delle sopravvissute a questo tipo di tumore.


“I programmi di follow-up sono diversi in ogni paese. Nei Paesi Bassi, ad esempio, le sopravvissute al cancro al seno hanno una visita annuale con il loro medico curante per un periodo di follow-up di cinque anni, o 10 anni se sono giovani”, spiega l’autrice principale Kelly de Ligt del Netherlands Cancer Institute di Amsterdam. “Le sopravvissute di solito sperimentano più sintomi che possono sommarsi e pesare pesantemente sulla vita quotidiana. Volevamo misurare il carico complessivo di questi sintomi sulla qualità di vita correlata alla salute e vedere se emergessero modelli che potessero informarci meglio su quali individui richiedono una gestione attiva dei sintomi”.


I ricercatori hanno selezionato per l’analisi 404 donne sopravvissute al cancro che erano state trattate chirurgicamente con o senza trattamento adiuvante per un tumore al seno dal I a III stadio. Le hanno interrogate in un periodo di tempo che in base alla paziente variava da uno e cinque anni dopo la diagnosi su affaticamento, nausea, dolore, mancanza di respiro, insonnia, appetito, costipazione, diarrea, nonché sintomi emotivi e cognitivi. L’analisi delle loro risposte ha permesso l’identificazione di tre sottogruppi principali di persone che presentavano rispettivamente un carico di sintomi basso, intermedio e alto.


“Un terzo delle pazienti era addirittura meno colpito dai sintomi analizzati rispetto alla media delle donne dei Paesi Bassi”, osserva de Ligt. Il 55% delle partecipanti  ha avuto risultati simili a quelli della popolazione generale, sebbene i loro punteggi per stanchezza, insonnia e sintomi cognitivi fossero leggermente peggiori. Il restante 15% però, “aveva punteggi peggiori della popolazione generale per tutti i sintomi e le differenze, comprese tra 15 e 20 punti percentuali, erano abbastanza grandi da essere considerate non solo statisticamente significative, ma anche clinicamente rilevanti”, aggiunge.


Secondo de Ligt, questi risultati confermano la necessità di approcci personalizzati al follow-up dei malati di cancro, alcuni dei quali richiedono ancora un’attenzione speciale fino a cinque anni dopo la diagnosi. I risultati dello studio hanno inoltre dimostrato che le pazienti con comorbidità come malattie cardiache e diabete avevano maggiori probabilità di sperimentare un carico di sintomi elevato.


“La ricerca futura dovrebbe tentare di misurare la qualità della vita correlata alla salute delle pazienti attraverso le Patient Reported Outcome Measures (PROM) prima dell’inizio del trattamento per il cancro al seno e successivamente per permetterci di misurare l’effetto della terapia”.


Nadia Harbeck, LMU University Hospital di Monaco, Germania, esperta di cancro al seno non coinvolta nello studio,  commenta: “In qualità di medico, sono rimasta sorpresa dal fatto che l’analisi non abbia rivelato alcuna associazione tra i trattamenti che le pazienti avevano ricevuto e i sintomi al follow-up, perché penso che qualsiasi terapia che somministriamo, ad esempio solo un intervento chirurgico più radioterapia rispetto a un ampio ciclo di trattamento sistemico sia prima che dopo l’intervento, abbia un impatto sul carico di sintomi che le pazienti sperimentano nel corso dei cinque anni periodo di follow-up. La raccolta di dati da un gruppo più ampio di donne potrebbe aiutarci a ottenere maggiori informazioni, e sarebbe interessante vedere questo studio riprodotto in altri paesi per accertare se ci sono anche fattori culturali e sociali che influenzano le risposte dei pazienti “.


Fonte: Abstract 134P ‘Towards tailored follow-up care for breast cancer survivors: cluster analyses based on symptom burden’ K.M. de Ligt et al.

IT-NON-04589-W-05/2023