Tumore infantile e rischio di problemi mentali in età adulta

Una diagnosi di cancro infantile e gli effetti negativi del trattamento possono influenzare la salute mentale dei sopravvissuti. Uno studio condotto in Finlandia, Danimarca e Svezia e pubblicato dalla rivista The Lancet Psychiatry mostra che questi soggetti sono in effetti particolarmente a rischio di sviluppare disturbi psichiatrici.


Sono stati inclusi nello studio di coorte i sopravvissuti a 5 anni di cancro infantile diagnosticato prima dei 20 anni di età tra il 1 gennaio 1974 e il 31 dicembre, 2011, in Danimarca, Finlandia e Svezia. I dati sono stati confrontati con quelli dei fratelli dei pazienti e di individui selezionati casualmente dalla popolazione generale che sono stati abbinati ai sopravvissuti per anno di nascita, sesso e regione geografica. I ricercatori hanno seguito la popolazione di studio da 5 anni dopo la diagnosi di cancro infantile o la data di calendario corrispondente per gli individui abbinati fino all’11 agosto 2017 e valutato le informazioni sui contatti ospedalieri per qualsiasi disturbo psichiatrico specifico.


La popolazione dello studio comprendeva 18.621 sopravvissuti al cancro infantile, 24.775 fratelli o sorelle e 88.630 individui abbinati. La percentuale di incidenza cumulativa di essere stati in un ospedale psichiatrico entro i 30 anni di età tra il 1° gennaio 1979 e l’11 agosto 2017, era del 15,9% per i sopravvissuti al cancro infantile, del 14% per fratelli e sorelle e del 12,7% per gli individui abbinati.


Nonostante una piccola differenza assoluta, i sopravvissuti avevano un rischio relativo più elevato rispetto ai loro fratelli e agli individui abbinati, che persisteva all’età di 50 anni. I sopravvissuti contattavano più di frequente gli ospedali a causa di disturbi psichiatrici. 


Secondo gli autori, per migliorare la salute mentale e la qualità della vita dopo il cancro infantile, nell’assistenza ai sopravvissuti si dovrebbe porre particolare attenzione ai segni di problemi di salute mentale, specialmente tra i gruppi di sopravvissuti ad alto rischio.


Fonte: The Lancet Psychiatry

IT-NON-06000-W-11/2023