Tumori ovarici avanzati diagnosi accurata con citologia dell’ascite

Nel CONCORD-3 i ricercatori hanno analizzato i dati relativi a bambini (di età compresa tra 0 e 14 anni) e adulti (di età compresa tra 15 e 99 anni) a cui è stata diagnosticata una neoplasia ematologica nel periodo 2000-2014 in 61 paesi. In uno studio pubblicato dalla rivista The Lancet Child and Adolescent Health, hanno analizzato le tendenze mondiali nella sopravvivenza alla leucemia per età e morfologia nei pazienti di età compresa tra 0 e 24 anni.

Hanno analizzato i dati di 258 registri del cancro basati sulla popolazione dei 61 paesi partecipanti a CONCORD-3. Hanno raggruppato i pazienti per età: bambini (0–14 anni), adolescenti (15–19 anni) e giovani adulti (20–24 anni) e classificato i sottotipi di leucemia secondo la classificazione internazionale del cancro infantile (ICCC-3), aggiornata con i codici della classificazione internazionale delle malattie per l’oncologia, terza edizione (ICD-O-3).

Sono stati inclusi 164.563 giovani: 121.328 (73,7%) bambini, 22.963 (14,0%) adolescenti e 20.272 (12,3%) giovani adulti. Nel 2010-2014, i sottotipi più comuni erano la leucemia linfoide (28 205 [68,2%] pazienti) e la leucemia mieloide acuta (7863 [19,0%] pazienti). La sopravvivenza netta a 5 anni standardizzata per età in bambini, adolescenti e giovani adulti per tutte le leucemie combinate nel periodo 2010-2014 variava ampiamente, dal 46% in Messico a oltre l’85% in Canada, Cipro, Belgio, Danimarca, Finlandia e Australia. Gli individui con leucemia linfoide avevano una sopravvivenza standardizzata per età migliore (dal 43% in Ecuador a ≥80% in alcune parti dell’Europa, Nord America, Oceania e Asia) rispetto a quelli con leucemia mieloide acuta (dal 32% in Perù a ≥70% in la maggior parte dei paesi ad alto reddito in Europa, Nord America e Oceania). Per tutto il 2000-2014, la sopravvivenza a tutte le leucemie combinate è rimasta costantemente più alta per i bambini rispetto agli adolescenti e ai giovani adulti e nella maggior parte dei paesi è stato osservato un miglioramento minimo per gli adolescenti e i giovani adulti.

Lo studio offre il primo quadro mondiale della sopravvivenza basata sulla popolazione per leucemia in bambini, adolescenti e giovani adulti. I ricercatori concludono che adolescenti e giovani adulti con diagnosi di leucemia continuano ad avere una sopravvivenza inferiore rispetto ai bambini. Le tendenze nella sopravvivenza alla leucemia per adolescenti e giovani adulti sono indicatori importanti della qualità della gestione del cancro in questa fascia di età.

Bibliografia:

Worldwide trends in population-based survival for children, adolescents, and young adults diagnosed with leukaemia, by subtype, during 2000–14 (CONCORD-3): analysis of individual data from 258 cancer registries in 61 countries. https://doi.org/10.1016/S2352-4642(22)00095-5

IT-NON-07027-W-05/2024