Ulcera peptica: educare i pazienti migliora gli esiti della cura

L’educazione sanitaria basata sull’informazione e la continuità delle cure alzano l’aderenza ai farmaci e la soddisfazione infermieristica dei pazienti con ulcera peptica, migliorano la conoscenza relativa alla malattia dei pazienti e la loro capacità di cura di sé e infine migliorano la qualità della vita e lo stato psicologico. Questo è quanto riferisce uno studio pubblicato su Frontiers in Public Health, e diretto da Aihong Liu, del Jiaozhou Central Hospital di Qingdao, in Cina.


“Abbiamo cercato di valutare il valore applicativo dell’educazione sanitaria basata sull’informazione e la continuità delle cure nei pazienti con ulcera peptica” spiega Liu.


I ricercatori hanno studiato 116 pazienti con ulcera peptica trattati in ospedale tra gennaio 2019 e ottobre 2020 e li hanno randomizzati a un gruppo di controllo e a un gruppo di osservazione. Il gruppo di osservazione ha ricevuto un’educazione sanitaria basata sull’informazione e la continuità dell’intervento di cura, mentre il gruppo di controllo delle cure standard. Sono stati confrontati l’efficacia clinica, la padronanza delle conoscenze sanitarie, la capacità di cura di sé, la compliance ai farmaci, la qualità della vita, lo stato mentale e la soddisfazione infermieristica dei due gruppi.


Dopo l’intervento, il tasso di conoscenza della salute, i punteggi per la cura di sé stessi, i punteggi del sondaggio sulla salute in forma breve, il tasso di compliance ai farmaci e la soddisfazione infermieristica totale del gruppo di osservazione hanno tutti notevolmente superato quelli del gruppo di controllo. Inoltre, i pazienti del gruppo di osservazione hanno mostrato punteggi più bassi della Self-Rating Anxiety Scale (SAS) e della Self-Rating Depression Scale (SDS), rispetto al gruppo gestito con cure convenzionali.


Fonte: Frontiers in Public Health

IT-NON-05458-W-09/2023