Ulcera peptica perforata: i valori di lattato al ricovero predicono la presenza di candida

Uno studio diretto da Yia-Ting Li, del Chung Shan Medical University Hospital, Taichung, Taiwan, e pubblicato sul Journal of Microbiology, Immunology and Infection, riferisce che nei pazienti con ulcera peptica perforata il livello di lattato nel sangue misurato al ricovero in ospedale potrebbe essere un predittore di infezione invasiva da candida. Inoltre, suggerisce che i pazienti chirurgici con ulcera peptica perforata in condizioni critiche con cirrosi epatica e punteggio SOFA (Sequential Organ Failure Assessment) più elevato sono associati a esiti scarsi.

“Il rischio di infezione invasiva da Candida (ICI) è elevato nei pazienti con ulcera peptica perforata (PPU) sottoposti a laparotomia o chirurgia laparoscopica, ma i fattori di rischio e i predittori di esiti di morbilità rimangono incerti” spiegano gli autori.

I ricercatori hanno tentato di identificare i fattori di rischio di ICI nei pazienti con PPU in condizioni critiche chirurgiche e di valutare l’impatto sugli esiti. Per questo hanno studiato 170 pazienti con PPU in condizioni critiche chirurgiche, di cui 37 con ICI e 133 senza. Le differenze nelle complicanze polmonari in base alla candidosi invasiva sono state determinate dal test U di Mann-Whitney.

Candida albicans è stato l’agente patogeno principale di ICI (74,29%). I pazienti infetti avevano una maggiore incidenza di batteriemia, una più lunga degenza in unità di terapia intensiva e ospedaliera, una maggiore durata del ventilatore (p < 0,001) e una maggiore mortalità ospedaliera (p = 0,02). Nell’analisi multivariata, il livello di lattato sierico misurato al ricovero in ospedale era indipendentemente associato all’occorrenza di ICI. La cirrosi epatica e il punteggio SOFA erano associati indipendentemente alla mortalità a 90 giorni.

Fonte: Yia-Ting Li et al – J Microbiol Immunol Infect 2022

IT-NON-06984-W-05/2024