Un modello mostra una forte diminuzione dell’incidenza dell’Hiv in Inghilterra

Il numero annuale di nuove infezioni da Hiv tra gli uomini che fanno sesso con altri uomini (Msm) in Inghilterra è diminuito drasticamente, passando da 2.770 casi nel 2013 a 854 nel 2018. Questo dato mostra che l’eliminazione della trasmissione dell’Hiv entro il 2030 è un obiettivo raggiungibile.


Per gestire l’epidemia di Hiv tra gli Msm in Inghilterra tra il 2011 e il 2015 sono stati intensificati i test e le strategie di trattamento anticipato, integrati dal 2015 dalla profilassi pre-esposizione (PrEP). I ricercatori hanno esaminato l’effetto di questi interventi sul numero di nuove infezioni e hanno studiato se gli obiettivi delle Nazioni Unite (Onu) per il controllo dell’Hiv e l’eliminazione della trasmissione dell’Hiv entro il 2030 potrebbero essere alla portata tra gli Msm in Inghilterra.


Una complessità in questa valutazione è che la sorveglianza di routine raccoglie dati sulle nuove diagnosi di Hiv, ma le tendenze delle sole nuove diagnosi possono essere fuorvianti, poiché possono rappresentare infezioni avvenute molti anni prima.


Per stimare le nuove infezioni da Hiv tra gli Msm dai 15 anni in su in un periodo di 10 anni tra il 2009 e il 2018, i ricercatori hanno usato un nuovo modello statistico che ha utilizzato i dati sulle diagnosi di Hiv e Aids raccolti di routine attraverso il sistema nazionale di segnalazione di Hiv e Aids in Inghilterra e le conoscenze sulla progressione dell’Hiv. Le tendenze stimate nelle nuove infezioni sono state poi estrapolate per capire la probabilità di raggiungere l’obiettivo per il 2030 delle Nazioni Unite definito come meno di una nuova infezione acquisita per 10.000 Msm all’anno.


Si stima che il picco nel numero di nuove infezioni da Hiv negli Msm in Inghilterra si sia verificato tra il 2012 e il 2013, seguito da una forte diminuzione (da 2.770 nuovi casi nel 2013 a 1.740 nel 2015), e da un’ulteriore diminuzione più costante dal 2016, fino a 854. Il calo è stato costante in tutti i gruppi di età, ma è stato particolarmente marcato negli Msm di età compresa tra 25 e 34 anni, e più lento in quelli di età pari o superiore ai 45 anni. È importante notare che questa diminuzione è iniziata prima della diffusione della PrEP nel 2016, indicando il successo dei test e del trattamento come misure di prevenzione dell’infezione.


I ricercatori hanno calcolato una probabilità del 40% che l’Inghilterra raggiunga l’obiettivo dell’Onu entro il 2030 e hanno identificato azioni di prevenzione specifiche per età per aumentare questa probabilità.


Fonte: The Lancet Hiv

IT-NON-04973-W-06/2023