Un nuovo cemento al silicato di calcio per la terapia dopo pulpotomia

Il nuovo cemento al silicato di calcio a presa rapida è un nuovo biomateriale promettente per la terapia della polpa vitale nei molari permanenti immaturi, che consente la formazione completa delle radici nel tempo con l’apicogenesi. I medici devono quindi essere consapevoli dell’importanza del restauro definitivo immediato, della corretta sigillatura e dell’isolamento nella terapia della polpa vitale.


Perciò, gli esperti hanno studiato e confronto i risultati ottenuti dalla terapia della polpa vitale dopo la pulpotomia completa nei primi molari permanenti immaturi, durante il trattamento della carie, utilizzando un nuovo cemento al silicato di calcio a presa rapida (Novel CSC) rispetto a MTA.


I pazienti, bambini di età compresa tra i 6 e gli 8 anni, che hanno ricevuto la pulpotomia del primo molare permanente immaturo utilizzando un nuovo strato di CSC (Protooth) o due strati di MTA a presa lenta (MTA Angelus) ricoperti di vetroionomero, sono stati richiamati dopo 2 anni per effettuare una valutazione radiografica e clinica.


Gli effetti derivanti dal tipo di cemento, l’età, il sesso, la conformazione della mascella, il tipo di anestesia e il tipo di restauro sono stati valutati sul successo clinico della pulpotomia e sulla formazione continua delle radici come risultato del trattamento.


Il nuovo CSC ha evidenziato un tasso di successo clinico significativamente più alto rispetto a MTA; infatti, i denti restaurati con corone in acciaio inossidabile dopo pulpotomia e trattamenti eseguiti in anestesia generale hanno mostrato un effetto significativo sull’esito del trattamento in contrasto con l’età, il sesso e il tipo di mascella, favorendo l’utilizzo del nuovo biomateriale.


Fonte: Journal of Dentistry