Un nuovo modello per valutare il rischio di cancro al colon

I ricercatori della Indiana University School of Medicine hanno sviluppato e testato un modello per prevedere il rischio di sviluppare polipi precancerosi avanzati e cancro al colon. I risultati sono stati pubblicati dalla rivista Gut.

Soprattutto durante la pandemia Covid-19, quando molte persone sono riluttanti a visitare le strutture mediche e le risorse sanitarie sono limitate, il nuovo modello potrebbe aiutare i medici a determinare se per un paziente sia meglio eseguire un test delle feci a casa oppure se sia più appropriata una colonscopia.

La personalizzazione dello screening colorettale basata sul rischio è comunemente raccomandata ma non generalmente utilizzata, tranne per le decisioni su quando iniziare lo screening in base alla storia familiare. Otto persone su 10 che rientrano nella fascia per la quale lo screening del cancro del colon-retto è raccomandato dalle linee guida nazionali, sono considerate a rischio medio di malattia. Il nuovo modello predittivo per questi individui a rischio medio considera diversi fattori come età, sesso, stile di vita, dieta, e storia di fumo.

Lo studio in cui è stato valutato il modello ha coinvolto 4.500 individui di età compresa tra i 50 e gli 80 anni e ha identificato, tra gli individui a rischio medio, gruppi a rischio inferiore e gruppi a rischio elevato. Circa un quarto degli individui a rischio medio rientrava nel gruppo di persone a basso rischio, circa il 60% degli individui a rischio medio era effettivamente a rischio medio, mentre il 10% circa è stato ritenuto ad alto rischio, per questi soggetti sarebbe quindi appropriata una colonscopia di screening.
“L’importanza dello screening del cancro del colon-retto non può essere sopravvalutata”, ha affermato il Thomas Imperiale, che ha diretto lo studio.

Un test immunochimico fecale annuale, che può essere fatto da casa ed è poco costoso, o un’analisi del Dna delle feci e le analisi del sangue ogni tre anni, sono modi efficaci per selezionare le persone a basso o medio rischio.

Fonte: Gut

IT-NON-03428-W-12/2022