Un terzo dei sopravvissuti a un linfoma sperimenta un affaticamento a lungo termine

Uno studio pubblicato di recente dalla rivista Leukemia and Lymphoma descrive la prevalenza e la persistenza della fatica in una coorte di sopravvissuti al linfoma non Hodgkin (NHL). I risultati suggeriscono che un sopravvissuto al NHL su tre sperimenta un affaticamento clinicamente significativo molto tempo dopo la diagnosi e il trattamento iniziale.


A 555 sopravvissuti al linfoma è stato inviato per posta un sondaggio che valutava la qualità della vita all’inizio dello studio e dopo cinque anni. Più di un quarto (27,7%) dei sopravvissuti ha riportato un affaticamento clinicamente significativo al basale e il 18,7% ha riportato un affaticamento persistente a cinque anni. Un terzo (34,4%) ha riportato un peggioramento clinicamente significativo della fatica nel tempo.


I fattori associati in modo indipendente con l’affaticamento persistente includevano il genere femminile, la minore istruzione, l’aver ricevuto una chemioterapia in passato, l’aumento delle comorbilità e i sintomi da stress post-traumatico.


Poiché in molti casi la fatica peggiora nel tempo, secondo gli autori è necessario monitorare e trattare questo sintomo nei sopravvissuti al linfoma.


Fonte: Leukemia and Lymphoma

IT-NON-05571-W-10/2023