Università: quarta laurea in meno di 3 mesi, 6 titoli a 25 anni

E’ il giovanissimo talento Samuele Cannas dell’ateneo e della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa.


Quarta laurea in meno di 3 mesi per Samuele Cannas, giovanissimo talento dell’università e della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa che ieri ha conseguito, con il massimo dei voti, il titolo di dottore in Biotecnologie molecolari, portando a termine anche questa volta un percorso accademico impeccabile con una media eccezionale e costante del 30 e lode.


Con questo nuovo titolo, che segue le lauree in pianoforte al Conservatorio di Cagliari e quelle in Medicina e chirurgia (luglio 2021), in Biotecnologie (settembre 2021) e in Ingegneria (ottobre 2021), conseguite tutte all’università di Pisa, Cannas è oramai prossimo al raggiungimento del suo obiettivo: a dicembre, dopo il prestigioso titolo della Scuola Sant’Anna, sarà infatti il primo studente in tutta Italia a possedere 6 titoli universitari all’età di soli 25 anni, tutti con lode. Un percorso senza precedenti che Samuele ha costruito con cura nel corso degli anni per raggiungere il suo nobile scopo nella lotta contro i tumori gastrointestinali e che, dal 2022, lo vedrà proseguire i suoi studi specialistici in chirurgia addominale negli Usa.


“Non posso esprimere a parole quanto sia grato all’università di Pisa e alla Scuola superiore Sant’Anna che mi hanno consentito di crescere in un ambiente straordinariamente stimolante, fondato sulla meritocrazia, sul confronto reciproco con gli altri e sulla ricerca e la valorizzazione delle eccellenze – ha dichiarato Samuele – Le lauree sono essenzialmente il mezzo che ho scelto per affrontare un tema complesso, come quello delle patologie chirurgiche intestinali, con un approccio olistico che ingloba le competenze del chirurgo, del biotecnologo e dell’ingegnere e le amalgama insieme, potenziandole vicendevolmente. Mi auguro che tantissimi giovani possano trovare nel mio esempio l’ispirazione per portare avanti studi multidisciplinari. Non per superare dei record o per vana gloria, ma perché questo è il nuovo paradigma con il quale approcciarsi alla medicina del futuro”.

Ad assistere alla discussione di ieri presso il Centro congressi Le Benedettine, tra gli altri, il rettore dell’università di Pisa, Paolo Mancarella; Pierdomenico Perata, delegato della rettrice della Scuola superiore Sant’Anna, Sabina Nuti; Fabio Anastasio Recchia, tutor e docente di Samuele alla Sant’Anna; il chirurgo Carlo Maria Rosati e il neuroscienziato dell’università di Cambridge Giulio Deangeli, migliore amico di Samuele e suo compagno di viaggio a Pisa.


“Quello di Samuele è certamente un talento raro, ma è anche la dimostrazione che con dedizione e passione si possono raggiungere anche gli obiettivi più ambiziosi. In un momento in cui il nostro Paese ha quanto mai bisogno di storie esemplari a cui ispirarsi, la sua, come già quella di Giulio Deangeli, è certamente una di queste”, commenta Mancarella. “Complimenti a Samuele per questo nuovo obiettivo raggiunto – gli fa eco Nuti – merito del suo impegno e della sua determinazione, ma anche delle istituzioni pubbliche che hanno saputo valorizzare il suo talento con un adeguato percorso formativo. La sua esperienza può incoraggiare altre studentesse e altri studenti nel continuare i loro studi, invitandoli a mettere le proprie competenze interdisciplinari a servizio della collettività. Il nostro Paese ha bisogno di talenti in grado di fare la differenza per migliorare la vita delle persone e Samuele può essere un punto di riferimento”.


Già membro dell’Aspen Institute Italia e insignito del titolo di Alfiere del Lavoro dal capo dello Stato, Samuele Cannas ha recentemente ricevuto il Premio Socrate 2021 presso Palazzo Altieri in Roma ed è stato anche insignito della Benemerenza del Premio Eccellenza Italiana 2021, nato come riconoscimento all’Italia del merito e del talento.

Fonte: Adnkronos Salute

IT-NON-05745-W-10/2023