Usa, nella prevenzione dell’Hiv peggiorano le disparità tra gli Stati

Secondo un recente studio, gli Stati con un basso uso iniziale di farmaci per la prevenzione dell’Hiv continuano a rimanere indietro tra le persone a rischio della malattia.


Gli esperti pensavano che gli Stati in ritardo avrebbero visto un’impennata nell’adozione della prevenzione dell’Hiv una volta che avessero aderito a un programma, ma questo non è successo. Al contrario le disparità tra chi ha iniziato la somministrazione dei farmaci fin dall’inizio e chi è arrivato in un secondo momento stanno aumentando.


Il basso tasso di adozione della PrEp che i ricercatori hanno trovato è preoccupante perché significa che le persone non stanno beneficiando di un farmaco di prevenzione dell’Hiv che è stato approvato e disponibile per quasi un decennio.


Il governo federale degli Stati Uniti ha fissato l’obiettivo di prevenire 250.000 infezioni da Hiv in 10 anni come parte del suo “Piano per porre fine all’epidemia di Hiv”. La chiave di tutto ciò sono le partnership a livello statale e di contea per incoraggiare l’uso della profilassi pre-esposizione all’Hiv, o PrEp. Questi farmaci possono prevenire l’infezione da Hiv tra le persone ad alto rischio di Hiv, come le persone che fanno sesso non protetto o quelle che fanno uso di droghe.


Sebbene sia disponibile dal 2012, secondo le stime dei funzionari della sanità pubblica meno del 20% delle persone che ne beneficerebbero stanno prendendo la PrEp.


Per capire meglio il fenomeno i ricercatori hanno confrontato il numero di persone con prescrizioni PrEp in ogni Stato con il numero di individui che beneficerebbero dei farmaci di prevenzione dell’Hiv, trovando che il più grande salto nell’uso della PrEp è avvenuto tra il 2014 e il 2018 nel nord-est, con un aumento del 16,6%. Questo è stato seguito dal Midwest (9,2%), l’Ovest (7,1%) e, infine, il Sud (7,0%).


In media, ogni 5% di utilizzo di base era correlato a un aumento dell’1,2% nell’adozione nell’anno successivo. Questo significa che i primi adottanti stanno avendo grandi guadagni e gli stati sottoperformanti non stanno recuperando.


I ricercatori riconoscono che ci sono molti fattori che contribuiscono all’adozione della PrEp, e che queste circostanze possono variare da Stato a Stato. Ma stanno incoraggiando gli Stati in ritardo a guardare le politiche attuate dagli Stati che hanno avuto un roll-out di successo.


Per porre fine all’epidemia di Hiv, infatti, i governi federali e statali devono colmare le lacune traducendo le politiche di successo dagli Stati che hanno adottato in anticipo. Secondo gli esperti, per il singolo medico, il messaggio da portare a casa è che tutti i camici bianchi devono cercare più opportunità per discutere della PrEp con i pazienti.


Fonte: Open Forum Infectious Diseases

IT-NON-05488-W-09/2023