Usa, rapida diminuzione dei decessi per melanoma

I tassi complessivi di morte per cancro continuano a diminuire negli uomini e nelle donne per tutti i gruppi etnici negli Stati Uniti, secondo l’ultimo rapporto annuale alla nazione sullo stato del cancro redatto dall’American Cancer Society, i Centers for Disease Control and Prevention, il National Cancer Institute e la North American Association of Central Cancer Registries.


Dal 2001 al 2018, il declino dei tassi di mortalità per il cancro ai polmoni ha subito un’accelerazione e i tassi di mortalità per il melanoma sono diminuiti notevolmente negli anni più recenti, riflettendo un sostanziale aumento della sopravvivenza per il melanoma metastatico. Tuttavia, il rapporto rileva che per diversi altri grandi tumori, tra cui i tumori della prostata, del colon-retto e del seno femminile, le precedenti tendenze al declino dei tassi di mortalità hanno rallentato o sono scomparse.


Il rapporto ha trovato anche che i tassi di incidenza globale del cancro continuano ad aumentare tra le donne, i bambini e gli adolescenti e giovani adulti (Aya). Tutte le tendenze del report coprono il periodo prima della pandemia di Covid-19.


Il rapporto mostra una diminuzione dei tassi di mortalità per 11 dei 19 tumori più comuni tra gli uomini e per 14 dei 20 tumori più comuni tra le donne, nel periodo più recente (2014-2018).


Per gli esperti, il calo dei tassi di mortalità per il cancro ai polmoni e il melanoma è il risultato di progressi in tutto il continuum del cancro, dalla riduzione dei tassi di fumo per prevenire il cancro alle scoperte come le terapie farmacologiche mirate e gli inibitori del checkpoint immunitario.


Un’analisi delle tendenze a lungo termine nei tassi di mortalità per cancro nel rapporto di quest’anno mostra anche che il declino del tasso di mortalità è accelerato sia nei maschi che nelle femmine dal 2001 al 2018. Per gli autori del lavoro si potranno raggiungere ulteriori miglioramenti affrontando l’obesità, che ha il potenziale per superare l’uso del tabacco per diventare il principale fattore modificabile associato al cancro.


Per quanto riguarda la sopravvivenza a due anni del melanoma in stadio avanzato diagnosticato durante il periodo 2001-2009, questa è rimasta stabile, ma è aumentata del 3,1% all’anno per i casi diagnosticati durante il 2009-2014. La sopravvivenza relativa a due anni è aumentata solo leggermente per i casi di melanoma allo stadio iniziale e intermedio diagnosticati nel periodo 2001-2014 (rispettivamente dello 0,03% e 0,4% all’anno).


Gli autori hanno sottolineato come questi risultati possano aiutare a informare gli operatori sanitari sulla necessità di aumentare gli sforzi relativi alla prevenzione, alla diagnosi precoce e al trattamento del cancro, e sulla necessità di un’equa attuazione di interventi efficaci, soprattutto tra le popolazioni con scarse risorse.


Fonte: Jnci

IT-NON-05095-W-07/2023