Vescica iperattiva: nuovo modello per stratificazione precoce pazienti

Un nuovo modello, basato su una combinazione di fattori, può stratificare in modo accurato e non invasivo i pazienti con vescica iperattiva in categorie a basso o alto livello di sintomi nelle fasi precoci della malattia.

I ricercatori sperano di poter impiegare questa conoscenza per diagnosticare e trattare i pazienti prima che i loro sintomi si sviluppino sino al punto di avere un impatto significativo sulla vita quotidiana, come affermato da John Young dell’università di Portsmouth, autore dello studio che ha portato a questi risultati.

La vescica iperattiva si definisce come presenza di sintomi fastidiosi di urgenza urinaria, incremento della frequenza e nicturia in assenza di altre patologie evidenti, ma sussiste la necessità insoddisfatta di una classificazione dei pazienti oggettiva e basata sui sintomi non soltanto per la partecipazione agli studi clinici, ma anche ai fini della gestione quotidiana.

Per quanto i livelli dei singoli biomarcatori urinari non differiscano significativamente fra i due gruppi individuati, la combinazione dei livelli urinari di IL-5, ed ATP con età e sesso identifica accuratamente la probabilità che un paziente ricada nel gruppo ad elevato tasso di sintomi.

I ricercatori stanno ora lavorando su un dispositivo per la diagnosi in vitro da impiegare nella pratica clinica da parte del personale sanitario a livello di ambulatori, reparti chirurgici, farmacie e anche a domicilio.

La letteratura scientifica tratta la vescica iperattiva dicotomicamente, in termini di presenza o assenza, ma questa visione è più appropriata per una patologia vera e propria.

I ricercatori sperano che trattare questa entità clinica come una più ampia gamma di gravità sintomatologiche possa portare ad una diagnosi e ad un trattamento più precoci.

Dato che è stato dimostrato che con la progressione del problema si verifica un significativo rimodellamento della vescica, gli interventi attualmente in uso sono probabilmente sempre meno efficaci man mano che la vescica iperattiva si sviluppa. 

Fonte: Sci Rep online 2020